menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fabbricano abusivamente pellet per le stufe, la Guardia di Finanza mette i sigilli

Un opificio abusivo è stato posto sotto sequestro nel Comune di Mazzo di Valtellina. Al suo interno muletti, vasche di caricamento, pale meccaniche, aspiratori e pellettatrici

Una fabbrica completamente abusiva è stato posta sotto sequestro nel Comune di Mazzo di Valtellina a seguito di un controllo dei militari della Tenenza della Guardia di Finanza di Tirano.

Nella serata di sabato 14 dicembre 2019, i militari del Nucleo Mobile della Tenenza di Tirano hanno fermato sulla Strada Provinciale 27 nel Comune di Mazzo di Valtellina un carico di pellet “sospetto”, sprovvisto di qualsiasi etichettatura attestante l’origine e la composizione del prodotto. La merce viaggiava senza alcun documento di trasporto, ed il conducente del mezzo non è stato in grado di esibire il documento fiscale relativo all’acquisto.

Una volta individuata la fonte del prodotto, una fabbrica nei pressi della Strada Statale 38 in località Mazzo di Valtellina, è immediatamente scattata la perquisizione: all’interno dell’opificio sono stati rinvenuti circa 130 quintali di pellet da riscaldamento, oltre a venti quintali di segatura e cippato di legno.

La struttura, una vera e propria fabbrica completa di impianti, macchinari e materiali necessari per la produzione ed il confezionamento del pellet, è risultata essere totalmente abusiva, sprovvista dei titoli abilitativi previsti dalla normativa a tutela dell’ambiente, e completamente sconosciuta al Fisco.

Il pellet era già confezionato in sacchi e pronto per essere immesso nel mercato.

L’impianto di produzione è stato sottoposto a sequestro, unitamente ai macchinari rinvenuti al suo interno, tra cui muletti, vasche di caricamento, pale meccaniche, aspiratori e pellettatrici e ad un furgone per il trasporto del prodotto finito.

Il gestore del laboratorio, responsabile dell’attività produttiva abusiva, è stato denunciato per violazione della normativa ambientale e per il reato di emissioni in atmosfera non autorizzate.

Dato che il processo produttivo non era autorizzato né certificato, non è al momento nota la composizione chimica del prodotto. Sono in corso ulteriori accertamenti finalizzati ad escludere la nocività del prodotto per la salute dei cittadini.

L’operazione delle Fiamme Gialle testimonia il quotidiano impegno degli uomini della Guardia di Finanza a tutela della comunità, della concorrenza leale tra le imprese e del libero funzionamento del mercato, a difesa dei consumatori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, cosa riapre dal 26 aprile e cos'è la zona gialla rinforzata

Coronavirus

Covid, la Lombardia spera di tornare gialla: cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento