Cronaca

Madesimo, scialpinista si rompe una gamba e non riesce a tornare a casa: soccorso

L'intervento del soccorso alpino questa mattina

Immagine d'archivio

Intervento nella tarda mattinata di oggi, mercoledì 17 marzo 2021, per la Stazione di Madesimo della VII Delegazione Cnsas Valtellina Valchiavenna (Corpo nazionale Soccorso alpino e speleologico). La richiesta di intervento è arrivata poco prima di mezzogiorno, per un uomo residente in zona, classe 1958, che si è infortunato mentre stava praticando sci d’alpinismo. Ha riportato la sospetta frattura della tibia e non riusciva a proseguire, allora ha chiesto aiuto.

Le squadre, coadiuvate dai militari del Sagf - Soccorso alpino Guardia di finanza, sono arrivate in poco tempo: si trovava nella zona dell’Alpe Motta, a 1900 metri di altitudine, al confine tra i territori comunali di Campodolcino e Madesimo. Lo hanno raggiunto e recuperato per una decina di metri con le corde; poi, con un particolare tipo di barella, lo hanno trasportato sul terreno innevato per circa un chilometro, fino all’ambulanza. L’intervento è terminato verso le 13:30.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Madesimo, scialpinista si rompe una gamba e non riesce a tornare a casa: soccorso

SondrioToday è in caricamento