Cronaca Piateda

Poliziotti eroi, vedono uomo buttarsi nell'Adda in piena e gli salvano la vita

Gli agenti non hanno esitato per strapparlo alla morte recuperandolo dal fiume in piena

Il ponte di Busteggia sa cui l'uomo si è volontariamente gettato nell'Adda

Era serata di martedì 3 agosto quando, verso le ore 20, un agente della polizia, libero dal servizio, ha notato un uomo in un momento di evidente sconforto, appoggiato alla balaustra del ponte che a Busteggia, nel territorio comunale di Piateda, sovrasta il fiume Adda. Riconoscendo l'uomo, già noto agli uffici della Questura, il poliziotto ha prontamente chiesto l'intervento dei colleghi in servizio

Non appena pervenuta la segnalazione, la pattuglia dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico (U.P.G.S.P.) è giunta prontamente nelle adiacenze del ponte e gli operatori, dopo aver parcheggiato la vettura, si sono avvicinati al soggetto a piedi per parlargli.

L’uomo, alla vista dei poliziotti, si è gettato da un’altezza di circa 10 metri nell’Adda con uno scatto repentino. A quel punto, vedendo l’uomo in balia della corrente del fiume (in piena dopo le forti piogge delle ultime giornate), gli agenti hanno velocemente raggiunto il Sentiero Valtellina nel tentativo di salvarlo.

Imbragati ed assicurati con una corda in dotazione di reparto, i poliziotti si sono ancorati ad un tronco e, spordgndosi sul fiume in piena, nonostante la forza della corrente, sono riusciti ad afferrare il corpo oramai esanime e stremato dell’uomo. Con non poche difficoltà lo hanno portato sulla terra ferma dove è stato prontamente assistito dal personale sanitario nel frattempo allertato. Dopo le prime cure il salvato è stato trasportato presso l'ospedale civile di Sondrio.

Durante il ricovero l’uomo è rinsavito, esprimendo fiducia e gratitudine nei confronti degli agenti che gli hanno salvato la vita.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Poliziotti eroi, vedono uomo buttarsi nell'Adda in piena e gli salvano la vita

SondrioToday è in caricamento