rotate-mobile
Tra sabato e domenica / Sondalo

Soccorrono una 17enne ubriaca, lei li prende a schiaffi e pugni

L'ennesima aggressione ai danni del personale sanitario è accaduta nella notte tra sabato e domenica a Sondalo

Nuova aggressione ai danni del personale sanitario in servizio in provincia di Sondrio: l'episodio è accaduto in Alta Valle nella notte tra sabato e domenica e ha coinvolto una giovanissima ragazza di 17 anni che aveva decisamente esagerato con il consumo di alcol e che poi, come raccontato dal coordinatore di Valtellina Soccorso, la dottoressa Paola Viganò, esagererà (e anche molto) con i suoi comportamenti. 

"Domenica alle ore 04:44 l’ equipaggio del mezzo di soccorso Vls 04 viene attivato per sospetta intossicazione etilica su ragazza di 17 anni - esordisce la dottoressa Viganò -. Arrivati in posto la ragazza oppone un po’ di resistenza ma in seguito accetta di andare in ospedale". 

La parte più "complicata" dell'intervento sembra dunque portata a termine dal personale in servizio sul mezzo in convenzione Areu e in uscita per una chiamata ricevuta dal 118, ma non sarà così: "Giunti in ospedale a Sondalo alle ore 05:20 la ragazza tenta di scappare: i soccorritori cercano di spiegarle che deve entrare in pronto soccorso - prosegue la coordinatrice di Valtellina Soccorso -. Non avendo la collaborazione della ragazza, la quale oppone ancora resistenza, un soccorritore nell’intervenire, dopo una breve colluttazione, viene fatto cadere a terra, battendo il ginocchio destro".

"Una volta rialzata, i due soccorritori riescono a far entrare in ospedale la ragazza che, ancora una volta si allontana - così continua la ricostruzione dell'episodio -. Un soccorritore segue la ragazza che si nasconde tra due auto nel parcheggio del Pronto Soccorso di Sondalo. Una volta raggiunta la giovane, il soccorritore le chiede di tornare all’interno del Pronto Soccorso così da poterla aiutare, ma lei rifiuta. A questo punto il soccorritore cerca di aiutare la ragazza ad alzarsi da terra, ma la paziente risponde tirando schiaffi e un pungo in faccia al soccorritore, provocando evidente epistassi".

"In quel momento - questo l'epilogo della vicenda -, soccorritore e paziente vengono raggiunti dal collega e dal personale infermieristico che prendono la ragazza e la portano in Pronto Soccorso".

Una nottata a dir poco movimentata e che ha lasciato segni evidenti sul soccorritore aggredito dalla giovane ubriaca: "A seguito dell’episodio - spiega la dottoressa Viganò -, la dipendente riporta una tumefazione del ponte del naso (con episodi continui di epistassi) e della parte sinistra della mascella, tumefazione e abrasione del ginocchio destro con lesione del tendine rotuleo". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Soccorrono una 17enne ubriaca, lei li prende a schiaffi e pugni

SondrioToday è in caricamento