rotate-mobile
Domenica, 25 Settembre 2022
Cronaca Tirano

Tirano, alveo del Poschiavino ripulito grazie ai volontari della Protezione Civile

Pur non essendo particolarmente pericolosa, la situazione attuale richiedeva un intervento

Sono 140 i volontari e le volontarie della Protezione Civile della provincia di Sondrio che sono intervenuti nella mattina di sabato 23 febbraio nel torrente Poschiavino a Madonna di Tirano per la pulizia dell’alveo.

L’intervento ha previsto un’estesa attività di diradamento della vegetazione che ha riguardato il tratto dal ponte sul torrente Poschiavino sulla SS 38 a quello più a nord sulla SS per la Svizzera. Tirano attendeva già da oltre un anno questo intervento dato che l’ultima iniziativa di pulizia è avvenuta nel maggio 2016 e nel frattempo l’alveo presentava diverse piante ad alto fusto che in caso di piena avrebbero potuto causare problemi di ostruzione e rischi di tracimazioni.

Pur non essendo particolarmente pericolosa, la situazione attuale richiedeva un intervento.

L’operazione programmata a fine ottobre 2018 e rimandata a causa della pioggia si è quindi realizzata sabato 23 con un grande lavoro di squadra dei tanti gruppi che si sono messi in campo: Protezione Civile ANA sezione Valtellinese Alta Valtellina, Protezione Civile Intercomunale Comunità Montana Valtellina di Tirano, Gruppo C.B. La Baita, Protezione Civile Comunale di Tirano, Villa di Tirano, Bianzone, Tovo, Grosotto , Sondalo e Valfurva. La Protezione civile di Tirano ha coordinato i lavori e preparato per tutti i volontari intervenuti il pranzo usufruendo degli spazi della ex-Caserma dei Vigili del Fuoco in Via Garibaldi.

L’Amministrazione di Tirano ringrazia tutti volontari che hanno prestato il proprio servizio e che regolarmente si dedicano alla protezione del territorio in interventi di particolare valore per la sicurezza idraulica dei centri abitati come quello di sabato scorso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tirano, alveo del Poschiavino ripulito grazie ai volontari della Protezione Civile

SondrioToday è in caricamento