rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Cronaca

Ecco il piano per il contenimento di cervi e cinghiali in provincia di Sondrio

Il protocollo d'intesa coinvolge Regione Lombardia, la Riserva naturale Pian di Spagna-Lago di Mezzola, la Provincia di Sondrio e quella di Como. Il sottosegretario Fabrizio Turba: "Un'ottima notizia per cittadini e agricoltori"

“Regione Lombardia e la Riserva Naturale Pian di Spagna e Lago Mezzola, Provincia di Como e Provincia di Sondrio hanno sottoscritto il protocollo di collaborazione istituzionale per l'attuazione del Piano di gestione della popolazione di cervo e della neoformazione di popolazione di cinghiale nei rispettivi territori territorio: la notizia è stata data nella giornata odierna dal sottosegretario ai rapporti con il consiglio di regione Lombardia Fabrizio Turba.

L'incontro

La firma del protocollo d'intesa è arrivata al termine di un incontro a cui hanno preso parte, oltre all'Assessore Regionale Fabio Rolfi e al Sottosegretario Fabrizio Turba, i Presidenti delle Provincia di Como ,Fiorenzo Bongiasca e della Provincia di Sondrio, Elio Moretti, il Presidente della Comunità Montana Valli del Lario e del Ceresio Mauro Robba e il Presidente della Riserva Pian di Spagna lago di Mezzola Roberto Vignarca, nonché  i rispettivi dirigenti.

L'accordo

Il testo del protocollo istituzionale si compone di 10 articoli e definisce gli impegni delle due provincie Como e Sondrio nell’ambito dell'attuazione del piano di gestione e di contenimento delle popolazioni di cervo e cinghiale con le rispettive polizie provinciali.

L'accordo prevede da parte della Riserva la messa in campo delle figure professionali specialistiche per il coordinamento complessivo delle azioni in campo, quali ad esempio Faunisti, Agronomi e la filiera veterinaria; l’attivazione del corso di formazione ed aggiornamento dei selecontrollori e degli agricoltori residenti nonché la realizzazione delle strutture ed attrezzature di controllo previste.

Inoltre, è indicato il riconoscimento economico alle provincie nei modi stabiliti e nell'ambito delle disponibilità di bilancio per l'impiego delle vigilanze che sono tenute ad impegnarsi per il raggiungimento fattivo dei risultati previsti dai piani di contenimento.

Di fondamentale importanza è stata la presenza diretta della Regione Lombardia, la quale determina l'azione di supervisione congiuntamente alla Riserva Naturale anche con possibile risoluzione dello stesso protocollo per provata e non auspicabile inadempienza del rispetto degli impegni previsti.

Ottima notizia

“È un’ottima notizia: - evidenzia Fabrizio Turba - grazie a questo protocollo si riuscirà ad arginare e risolvere l’attuale situazione di emergenza faunistica causata dall’eccessiva popolazione di cervi e cinghiali del nostro territorio, risolvendo così i disagi dei nostri agricoltori e cittadini”.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecco il piano per il contenimento di cervi e cinghiali in provincia di Sondrio

SondrioToday è in caricamento