menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Neonata morta dopo parto: rinviate a giudizio ginecologa e ostetrica

La tragedia al termine di un parto sofferto nell'aprile 2016 presso l'Ospedale di Sondrio. Le due si dovranno presentare a processo il 21 novembre prossimo, accusate di omicidio colposo e lesioni personali colpose

Sono state rinviate a giudizio dal Giudice delle Udienze Preliminari del Tribunale di Sondrio, Giuseppina Mangione, medico ginecologo di Montagna in Valtellina, e Cristina Mossini, ostetrica di Ardenno, entrambe operanti presso l'Ospadale del capoluogo, accusate di omicidio colposo e lesioni personali colpose dopo la morte di una neonata nell'aprile del 2016 nel reparto dove operavano. Si dovranno presentare a processo fissato il 21 novembre prossimo.

La tragedia

Era la notte tra il 10 e l'11 aprile 2016 quando «nonostante il tracciato cardiotocografico (già alle ore 23.51) fosse stato qualificato come non rassicurante - con il passare del tempo - diveniva ancor più patologico, evidenziando una condizione di sofferenza del feto, le imputate non avrebbero valutato adeguatamente le difficoltà del travaglio e la sofferenza fetale, continuando ad operare per giungere ad un parto naturale, anziché procedere con un cesareo» si legge nel capo di imputazione.

Dopo più di 4 ore di travaglio, era intervenuto il ginecologo di guardia il quale, ricorrendo a manovre di emergenza e all'utilizzo della ventosa, faceva nascere la bambina. Troppo il tempo trascorso tanto che la bambina, era stata sottoposta a manovre rianimatorie per poi esser trasferita in eliccotero presso l'Ospedale Manzoni di Lecco, ricoverata  Terapia intensiva neonatale. Un viaggio, tragicamente, inutile per la piccola, spirata lungo il pomeriggio dell'11 aprile.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Valchiavenna in lutto per la morte di Guglielmo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento