Giovedì, 17 Giugno 2021
Cronaca

«Buon viaggio, Sebastian! La tua moto ti porti sulle strade infinite del Paradiso»

Il pensiero del dirigente scolastico territoriale, Fabio Molinari, per la prematura scomparsa del giovanissimo motociclista Sebastian Fortini

La morte del giovanissimo Sebastian Fortini, deceduto dopo una terribile caduta dalla sua motocross mentre si allenava sulle rive dell'Adda a Traona, è stata un fulmine a ciel sereno. Tra i tanti che hanno voluto esprimere cordoglio e vicinanza, con un pensiero sincero di affetto e dolore, è stato il dirigente scolastico territoriale della provincia di Sondrio, Fabio Molinari.

«La morte assume un tono ancora più doloroso se essa è provocata da una passione che ha animato la vita. Questo è successo oggi a Sebastian, un ragazzo che aveva nel sangue l’amore per il motocross, con il quale si era spesso distinto. Non lo conoscevo, come non conoscevo i tanti, troppi studenti che, dal 2018, ho pianto insieme alla scuola valtellinese. Credo che Sebastian mi abbia visto quando ho partecipato all’inaugurazione dell’anno formativo alla sua scuola, l’ENAIP di Morbegno. Questa tragica morte si abbatte sulla nostra scuola in modo improvviso, violento, irrazionale» ha scritto Molinari in memoria del giovane talento morbegnese.

«Non ci sono mai parole adatte in questi casi ma vorrei far sentire ai genitori ed ai famigliari il calore del mio affetto e di quello dell’intera scuola della nostra Provincia. Sono vicino ai suoi compagni, ai suoi docenti, al suo Direttore. Nel mistero della morte cerchiamo di cogliere la volontà imperscrutabile di Dio che tra poco tornerà a farsi uomo tra gli uomini. E stringiamoci tutti attorno ai genitori di Sebastian perché l’amore di Dio passa attraverso quello degli uomini. Buon viaggio, Sebastian! La tua moto ti porti sulle strade infinite del Paradiso!» ha concluso il rappresentante scolastico.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Buon viaggio, Sebastian! La tua moto ti porti sulle strade infinite del Paradiso»

SondrioToday è in caricamento