rotate-mobile
Cronaca Tirano

"Morire sul lavoro è inconcepibile. Ciao Amilcare"

Le riflessione dei sindacati dopo la tragica morte del tiranese nell'invaso A2A di Sernio

Grande sconforto in provincia e non solo per la morte di Amilcare Marchetti, il 54enne tragicamente annegato sul lavoro nell'invaso A2A di Sernio, nella serata di venerdì 25 novembre. Una morte che, come spesso accade in questi casi, ha riacceso l'attenzione sul tema dei caduti sul lavoro. "L’intollerabile e dolorosa progressione delle morti e degli incidenti sollecita una urgente e rigorosa ricognizione sulle condizioni di sicurezza nelle quali si trovano a operare i lavoratori.  Morire in fabbrica, nei campi, in qualsiasi luogo di lavoro è uno scandalo inaccettabile per un Paese civile, un fardello insopportabile per le nostre coscienze, soprattutto quando dietro agli incidenti si scopre la mancata o la non corretta applicazione di norme e procedure", aveva dichiarato poco più di un mese fa, in occasione della 73ª Giornata Nazionale per le Vittime degli Incidenti, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Le Segreterie Territoriali Sondrio di Filctem CGIL, Flaei CISL e Uiltec UIL, con un documento congiunto, hanno voluto ricordare il tiranese, rivolgendosi direttamente a lui. "Ciao Amilcare! Venerdì scorso ci hai lasciato. Oggi ogni commento diventa superfluo, la ricerca delle ragioni passa in secondo piano perché non ci sei più e purtroppo questo è ciò che rimane. Insieme all'amaro in bocca di non aver potuto evitare una morte sul lavoro che è, di per sé, inconcepibile, inaccettabile. Invece è successo".

"leri (lunedì 27 novembre, ndr) abbiamo incontrato i rappresentanti aziendali con i quali ci siamo recati sul posto dell'incidente per comprendere le dinamiche del tragico evento ma, come è giusto, saranno i soggetti deputati a dover chiarire le circostanze. A noi spetta soltanto il compito di ricordare e ricordarci, ogni giorno, che la sicurezza sul lavoro viene prima di ogni altra cosa. Prevenzione e cultura della sicurezza devono accompagnare ogni azione nello svolgimento delle attività lavorative, anche per evitare che la tua scomparsa serva solo a incrementare un numero già troppo alto di vittime", proseguono i sindacati.

"Abbiamo condiviso con l'azienda la scelta di ricordarti con un minuto di silenzio alle 14.30 nel giorno del tuo funerale, previsto per mercoledì. Un breve spazio di tempo utile anche a pensare come tutto può cambiare, da un momento all'altro, così senza nessuna vera ragione", conclude la lettera. Le esequie di Amicalre Marchetti saranno celebrate nel pomeriggio di mercoledì 29 novembre, alle ore 14,30, presso il Santuario della Madonna di Tirano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Morire sul lavoro è inconcepibile. Ciao Amilcare"

SondrioToday è in caricamento