Giovanissimo morto sulla moto a Gordona, il pensiero del dirigente scolastico provinciale per i genitori e gli amici di Alessandro

Fabio Molinari: «Dobbiamo tutti stringerci in un abbraccio ideale intorno alla famiglia di Alessandro, perché il calore di questo abbraccio possa riscaldare anche solo un poco i cuori raggelati dal dolore»

La comunità di Gordona e della Valchiavenna tutta è in lutto dopo l'improvvisa morte del 16enne Alessandro Geronimi. Il giovanissimo ha perso la vita schiantandosi contro un guard rail, nella tarda sera di venerdì 28 febbraio 2020, mentre si trovava in sella alla propria moto. 

Si stringe attorno ai genitori ed ai familiari, con una lettera accorata, il dirigente scolastico della provincia di Sondrio, Fabio Molinari. Una testimonianza di affetto e sensibilità verso chi sta vivendo ore di tristezza e sconforto.

Di seguito le riflessioni di Molinari:

Carissimi,
è appena iniziato il tempo della Quaresima e già ci troviamo a vivere il dolore del Venerdì Santo, provati dall’ennesimo lutto che colpisce la scuola della nostra Provincia. Sembra che i nostri occhi siano condannati puntualmente a piangere per la scomparsa di giovani ragazzi in circostanze tragiche e inspiegabili. La morte di Daniele, che ci aveva tutti sconvolti nell’autunno del 2018, è stata seguita da tante altre disgrazie che ci hanno provato ed affranto, soprattutto perché per nessuna di esse siamo riusciti a trovare una motivazione razionale.

Ed oggi, torniamo a soffrire per la morte di Alessandro ponendoci le stesse domande per le quali non troviamo una risposta. Come mi è già capitato di dire altre volte, non ci sono parole di conforto per i genitori che possano realmente aiutarli in questo momento di profondo dolore, così come non ci sono gesti concreti che possano restituirci questa vita interrotta in modo così improvviso e repentino.

Se abbiamo un briciolo di fede, dobbiamo fidarci del Signore ed accettare qualcosa che non ci possiamo spiegare, credendo davvero che “la vita non è stata tolta ma trasformata”.

È difficile, per alcuni impossibile, ma dobbiamo tutti stringerci in un abbraccio ideale intorno alla famiglia di Alessandro, perché il calore di questo abbraccio possa riscaldare anche solo un poco i cuori raggelati dal dolore.

Ai ragazzi del “Caurga” raccomando di far sentire maggiormente la loro vicinanza ai genitori, ora e soprattutto quando il dolore si farà più acuto perché subentrerà per tutti la normalità della vita quotidiana. Vi prego di essere angeli custodi per questa famiglia e vi chiedo di tenere vivo il ricordo di Alessandro nei vostri cuori e nella vostra scuola, perché si continui a sentire fra voi la sua presenza.

Se la nostra fede non è vana, siamo certi che oggi un angelo in più sta vicino al Signore e protegge la sua famiglia, i suoi cari e la sua scuola. Vi abbraccio tutti con affetto e spero di potervi presto incontrare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 Fabio Molinari

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in Svizzera, scosse percepite anche in provincia di Sondrio

  • Svizzera, neve e buio coprono i massi caduti sui binari: treno deraglia

  • Coronavirus, lunedì si decidono le sorti della Lombardia: lo spettro del lockdown

  • Cosio Valtellino, grave bambino di 7 anni investito sulla vecchia statale

  • Coronavirus, al Morelli di Sondalo la situazione si fa seria

  • Coronavirus, focolaio nel pronto soccorso di Livigno: contagiati infermieri e autisti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SondrioToday è in caricamento