Marito violento minaccia di suicidarsi, feriti con l'acido due poliziotti

Attimi di panico in un appartamento di Sondrio

Nel pomeriggio del 29 giugno 2020 gli agenti della squadra volante della Questura di Sondrio sono intervenuti per impedire ad un uomo di compiere gesti estremi. L’uomo, macedone di 48 anni, residente in Sondrio, quando i poliziotti si sono presentati presso la sua abitazione, si è rifiutato di aprire loro la porta se non alla condizione di poter vedere prima la moglie.

La moglie, infatti si era presentata presso gli Uffici della Questura di Sondrio pochi giorni prima per denunciare le percosse da parte del marito e, stanca di subire i continui maltrattamenti, si era allontanata dall’abitazione coniugale con il figlio per non farvi più rientro.

Il marito, M.B. le iniziali, in quella occasione era stato denunciato per maltrattamenti e lesioni, e per questo più volte aveva manifestato intenti suicidari. Per questo motivo era stato anche trasportato presso il pronto soccorso di Sondrio e sottoposto ad una visita psichiatrica.

La vicenda

Nel pomeriggio del 29 giugno, nella concitata situazione, gli operatori sono riusciti a tranquillizzare M.B. convincendolo ad aprire la porta. Una volta entrati nell’appartamento, hanno trovato l’uomo in un angolo del soggiorno, con in mano un coltello da cucina ed un contenitore di plastica contenete dell’acido, pronti per esser usati a scopo autolesivo.

Persuaso ad appoggiare il coltello a terra, l'uomo si è si rifiutato di fare altrettanto con il contenitore di plastica, ed ha minacciato di berne il contenuto se gli operatori non avessero portato immediatamente la moglie davanti a lui.

Informato dell’impossibilità di evadere la sua richiesta, improvvisamente ha portato il contenitore alla bocca, ma è stato prontamente bloccato dagli agenti, i quali, con velocità, sono riusciti a sottrargli il contenitore dalle mani, impedendogli di berne il contenuto.

Tuttavia, a causa della resistenza opposta dal macedone, il liquido è completamente fuoriuscito dal contenitore, riversandosi sui poliziotti e sul divano della abitazione. L'uomo preso dalla foga ha persino cercato di leccare la sostanza nociva dal divano.

Al termine della messa in sicurezza della situazione M.B. è stato condotto nuovamente al pronto soccorso per le cure del caso e successivamente deferito in stato di libertà per il reato di violenza o minaccia a un pubblico ufficiale e lesioni personale aggravate. Infatti, considerata la composizione altamente corrosiva ed ustionante del liquido riversatosi sugli agenti durante la colluttazione, i due hanno riportato entrambi 10 giorni di prognosi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ardenno, tenta di uccidere i figli con il gas e di togliersi la vita: arrestata

  • Coronavirus, la Lombardia verso l'entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Talamona, padre e figlio in scooter non si fermano all'alt dei carabinieri: inseguiti e denunciati

  • Valmalenco, i carabinieri non riescono a calmare il figlio violento: sedato e ricoverato

  • Sci, verso la chiusura degli impianti di risalita per le vacanze: si attende la conferma del Dpcm

  • Coronavirus, Dpcm e regole per Natale 2020: niente sci in Lombardia e niente cenoni

Torna su
SondrioToday è in caricamento