menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Mi chiamo Laura Reghenzani, vivo a Teglio, ho 28 anni e dal 2011 ho contratto la malattia di Lyme"

Laura ha deciso di raccontare la sua storia per sensibilizzare gli altri su questa patologia e per chiedere un sostegno in questa nuova sfida che l'attende

Riceviamo e pubblichiamo una lettera di Laura, una ragazza di Teglio che dal 2011 combatte contro la malattia di Lyme. Nei prossimi giorni partirà per la Polonia dove si sottoporrà ad un nuovo percorso di cure.

Laura ha deciso di raccontare la sua storia per sensibilizzare gli altri su questa patologia e per chiedere un sostegno in questa nuova sfida che l'attende.

"Mi chiamo Laura Reghenzani, vivo a Teglio, ho 28 anni e dal 2011 ho contratto la malattia di Lyme (Borrellia), un'infezione derivante dalla puntura di una zecca su un ginocchio.

Da allora sono stata seguita da più medici in numerosi ospedali in varie regioni italiane. Purtroppo le terapie a cui mi sono sottoposta, previste dal sistema sanitario nazionale, non sono riuscite a guarirmi, con la conseguenza di un lento peggioramento che ha compromesso il mio sistema immunitario. Ormai dipendo dagli altri altri per fare molte cose e i dolori mi accompagnano.

Durante questo percorso ho cercato di studiare a fondo e ho conosciuto altre persone che  combattono questa patologia e che non sono ancora guariti.

Lo scorso mese di maggio ho partecipato al congresso sulla malattia di Lyme a Venezia dove ho conosciuto il dott. Richard Horowitz, uno dei massimi esperti al mondo nella sua cura e trattamento, ma che purtroppo lavora negli Stati Uniti e raggiungerlo per me è difficile.

Non mi sono arresa e ho trovato una clinica in Polonia, il centro medico San Luca a Danzica, il cui primario è il dott. Krzysztof Majdylo, allievo di Horowitz e membro del comitato di gestione ILADS Europa (Associazione Internazionale Malattia di Lyme), che mi ha accettata come paziente e mi visiterà il 20 luglio.

Ho deciso di tentare questa strada nella speranza di un miglioramento della mia situazione.

Dovrò soggiornare quindi per un lungo periodo in Polonia, si parla di mesi, ma forse anche di più, e spero il mio fisico sia abbastanza forte da riuscire a superare le cure.

Il percorso che mi attende è molto costoso (le spese mediche non saranno coperte dal sistema sanitario italiano), ma la malattia mi impedisce di lavorare, per cui ho deciso di iniziare una raccolta fondi per autofinanziarmi. Non voglio gravare ancora sulla mia famiglia, che mi ha sempre sostenuto e tuttora mi sta aiutando.

Ho creato anche una pagina facebook chiamandola “Partiamo con Laly Reghenzani” per rendere pubblica la mia storia e far conoscere questa malattia rara e complessa, che purtroppo spesso non viene riconosciuta, e scambiata per altre patologie, ma che se non trattata adeguatamente ti “consuma” giorno per giorno.

La pagina, dalla sua creazione (29 giugno), ha già raggiunto quasi 1.000 “Mi piace” e grazie a questo strumento vi terrò aggiornati sul “mio viaggio”.

Per sostenere le spese per le terapie di Laly si può donare (a favore di Laura Reghenzani):

- IT 41 P056 9652 2800 0000 7102 X20 Banca Popolare di Sondrio;

- IT 90 E052 1652 2800 000000 97081 Credito Valtellinese.

Ho esenzione per malattia di Lyme ra0030 e riconosciuta diagnosi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, cosa riapre dal 26 aprile e cos'è la zona gialla rinforzata

Coronavirus

Covid, la Lombardia spera di tornare gialla: cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento