rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
la vicenda

Uomo sta male in centro a Sondrio, l'ambulanza arriva dopo mezz'ora

La lunga attesa dei sanitari nonostante le serie condizioni del malcapitato e la vicinanza dell'ospedale. Le perplessità dei passanti

Trenta minuti per essere soccorso, nonostante le condizioni critiche e la vicinanza all'ospedale. È quanto accaduto a Sondrio nella serata di ieri, venerdì 27 maggio 2022, quando un uomo di 35 anni di origine straniera si è sentito male nel centro cittadino, in via XXV Aprile, a pochi metri da Palazzo Muzio, sede della Prefettura e della Provincia. Stava camminando da solo lungo il marciapiedi quando ha perso conoscenza, piombando a terra privo di sensi.

È stato un passante in bicicletta a chiamare i soccorsi, preoccupato dalle condizioni del malcapitato. "Prima di me una decina di persone è passata vicina all'uomo, senza dare troppo peso alle sue condizioni. Anche io inizialmente ho pensato fosse una persona in stato di alterazione poi, guardandolo meglio, mi sono accorto che le sue condizioni erano più serie".

Come appurato da SondrioToday la telefonata al 112 è partita dal cellulare del passante alle ore 19,06. Dopo le domande di rito, la richiesta di aiuto è stata catalogata dalla centrale operativa in codice rosso, indice di massima gravità, disponendo quindi l'intervento di soccorso. Da lì diversi minuti di attesa, senza sapere come aiutare lo sventurato, interrotti da una telefonata inaspettata.

Troppi interventi

Dalla centrale operativa regionale, non potendo mandare nell'immediato un'ambulanza, a causa della concomitanza con altri interventi sul territorio, un operatore, alle ore 19,14, si è sincerato telefonicamente delle condizioni dell'uomo a terra. Una chiamata inusuale nella quale l'operatore ha anche domandato se il malcapitato respirasse ancora.

Dopo qualche istante, non vedendo ancora giungere i soccorritori, il passante, di concerto con altre persone fermatesi a prestare aiuto, ha cercato inutilmente di rimettersi in contatto con la centrale di primo soccorso per sollecitare l'intervento.

L'arrivo dell'ambulanza 

Solo alle 19,35 l'ambulanza (senza l'auto con a bordo il medico) è giunta in via XXV Aprile, mentre l'uomo ancora privo di conoscenza era apparentemente in preda a delle convulsioni. Oltre mezz'ora per prestare soccorso all'uomo bisognoso di cure e altrettanto tempo per stabilizzarne le condizioni di salute e raggiungere l'ospedale, distante in linea d'aria 550 metri.

Il trentacinquenne, infatti, è entrato in barella nel nosocomio sondriese alle ore 20,06, circa un'ora dopo essersi sentito male. Le sue condizioni sono state ritenute serie, tanto da esser ricoverato in codice giallo. Non poca la perplessità in chi ha assistito alla scena per la lunga attesa e per le modalità di intervento.

La ricostruzione dell'accaduto del dg di Areu Lombardia Alberto Zoli: la versione di Areu

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uomo sta male in centro a Sondrio, l'ambulanza arriva dopo mezz'ora

SondrioToday è in caricamento