rotate-mobile
Giovedì, 8 Dicembre 2022
Scena muta

Interrogatorio di garanzia: Molinari non risponde al giudice

Convocato ieri mattina in Procura a Sondrio il Dirigente dell'Ufficio scolastico provinciale, agli arresti domiciliari, si è avvalso della facoltà di non rispondere

Ha scelto la strategia del silenzio Fabio Molinari. Il dirigente dell'ufficio scolastico provinciale giunto nella mattinata di ieri, lunedì 10 ottobre, presso il tribunale di Sondrio per l’interrogatorio di garanzia dopo essere stato posto agli arresti domiciliari per una serie di gravi reati emersi dalle indagini condotte negli ultimi mesi dalla Guardia di Finanza e dalla Procura di Sondrio.

Molinari, accompagnato da uno dei suoi avvocati, Stefano Di Pasquale, si è avvalso della facoltà di non rispondere davanti al Giudice per le indagini preliminari De Rosa e così proprio l'interrogatorio di garanzia si è concluso nel giro di pochissimi minuti senza che il Dirigente dell'Ufficio scolastico provinciale fornisse elementi utili per, eventualmente, chiarire o alleggerire la propria posizione.

Intanto, prosegue il lavoro della Procura per accertare eventuali responsabilità anche di altri soggetti nelle condotte contestate a Fabio Molinari.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Interrogatorio di garanzia: Molinari non risponde al giudice

SondrioToday è in caricamento