rotate-mobile
Venerdì, 9 Dicembre 2022
Cronaca

Venerdì 7 giugno sciopero dei treni: rischio caos per i pendolari Trenord, gli orari

Lo sciopero è stato proclamato dal sindacato Orsa Ferrovie: «Il contratto aziendale è scaduto da 4 anni e contiene pure alcuni errori da correggere«. I dettagli della mobilitazione

Venerdì nero in arrivo per i pendolari valtellinesi e valchiavennschi. Per il 7 giugno, infatti, il sindacato Orsa ha proclamato uno sciopero dei trasporti che coinvolge i dipendenti di Trenord, che potranno incrociare le braccia per otto ore. 

«È stato indetto uno sciopero dalle 09:00 alle 16:59 a cui potrà aderire il personale di Trenord - ha spiegato la stessa azienda in una nota -. Il Servizio Regionale, Suburbano, la Lunga Percorrenza e il servizio Aeroportuale, potranno subire variazioni e cancellazioni».

«Si precisa - prosegue Trenord - che le fasce orarie di garanzia, dalle ore 06:00 alle ore 09:00 e dalle ore 18:00 alle ore 21:00, non sono coinvolte dallo sciopero. Viaggeranno i treni che, con orario di partenza dalla stazione di origine prima delle 09:00, arrivino alla destinazione finale entro le 10:00».

Sciopero Trenord, i motivi

L'annuncio dello sciopero era arrivato a fine maggio, dopo un incontro - evidentemente infruttuoso - tra i rappresentati sindacali e la società. Sul tavolo della trattativa c'erano indennità e ferie.  

«Abbiamo evidenziato che il contratto aziendale di Trenord è scaduto da 4 anni e che lo stesso contiene errori da correggere, così come dichiarato da tutte le parti aziendale e sociali. Quindi in considerazione di quanto convenuto in sede Prefettizia, per noi il tempo è ormai scaduto e non siamo più disposti ad accettare un calendario che non ha mai prodotto nulla - si legge in una nota di Orsa -. Abbiamo rilevato inoltre l’inadeguatezza della società e la mancanza di controllo da parte del management nei confronti dei diretti sottoposti, ricordando che l’azienda non rispetta quanto si conviene nel confronto sindacale». 

Nello specifico: «Vedi accordo commerciale, emblematico il caso di alcuni gestori che hanno disconosiuto quanto convenuto dal Prefetto i giorni precedenti; così come, da anni, siamo in attesa dai carichi di lavoro e dell’organizzazione del settore della manutenzione e di affrontare i problemi del personale degli Uffici».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Venerdì 7 giugno sciopero dei treni: rischio caos per i pendolari Trenord, gli orari

SondrioToday è in caricamento