menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gabriele Andreola (Foto di Facebook)

Gabriele Andreola (Foto di Facebook)

"Il vuoto che lasci, Ga, è veramente grande e doloroso"

La tragedia sul Crap de Scèn in Valdidentro

E' morto nel pomeriggio di sabato, mentre era in montagna,la sua grande passione, Gabriele Andreola, 25 anni di Valdidentro.

Tanti i messaggi di cordoglio pubblicati sui social dagli amici. Riportiamo qui di seguito le toccanti parole di Francesco, suo fratello:

"BEAUTY LIES IN EVERY SOUL

La tua anima però, Ga, non era solo bella. Era anche gentile, umile, buona, premurosa, onesta, sincera, semplice. Ma soprattutto sensibile.

Queste cose non succedono alle persone superficiali. Succedono, invece, a chi ha una marcia in più degli altri. A chi è capace di "sentire" qualcosa che gli altri non sentono.

Se c'è qualcosa che ti si può rimproverare, Ga, è la difficoltà di non essere riuscito a vedere te stesso con gli stessi occhi con cui ti guardavano gli altri. Occhi pieni di affetto, di stima e di ammirazione. Occhi che vedevano in te un enorme potenziale, un'immensa energia e una luminosa fonte di vita.
Gli occhi con cui ti ho guardato fino alla fine e con cui continuerò a guardarti nel meraviglioso ricordo che ho di te.

Voglio ricordarti così, Ga. Con quel sorriso semplice, che solo a guardarlo faceva venire voglia di prenderti in simpatia e di volerti bene. Proprio perchè era il sorriso di un'anima limpida e sincera.

Il vuoto che lasci, Ga, è veramente grande e doloroso. 
Ma immensamente grande è anche l'eredità che ci rimane.

Mi sento straordinariamente onorato di averti avuto come fratello maggiore, come migliore amico, come esempio.
E spero che questo senso di privilegio risieda in tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscere la tua anima in tutta la sua bellezza.

Il vuoto che lasci, Ga, è grande.
Ma il tuo sangue è il mio sangue. Il tuo ricordo vive in me e lo coltiverò nel migliore dei modi per preservare nella mia memoria la splendida persona che eri, le tue sane passioni e le stupende relazioni che hai costruito in 25 anni di questo dono incredibile che si chiama "vita".

Sei partito più volte per inseguire un sogno. Questa volta la destinazione è diversa, ma mi piace pensare che sia un luogo pieno di pace e serenità.

Sei partito tante volte e ti ho sempre salutato con il sorriso e pieno di entusiasmo nel vederti partire.
Ma oggi più che mai ti abbraccio forte forte e ti dico che ti voglio tanto, tanto, ma davvero tanto bene. Un bene incondizionato e infinitamente grande.

Per me eri e sarai per sempre la persona più stilosa che io abbia mai incontrato.

Buon viaggio, Ga! Mi mancherai!"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento