L'ultimo saluto a Mistura, morta in culla a neanche 5 mesi

Una celebrazione di rispetto, silenzio e commozione presieduta dal salesiano don Giacinto Panfilo

La piccola bara bianca di Mistura

È stato dato a Sondrio l'ultimo saluto alla piccola Mistura, morta in culla a soli 5 mesi di vita. Una tragica morte che ha scosso l’intera comunità valtellinese, e non solo, riunitasi in preghiera per sostenere i genitori della piccola, Helly e Abdul Rasaki, vittime, inoltre, di alcune offese a sfondo razzista ricevute mentre si trovavano al Pronto Soccorso cittadino proprio per salvare la loro figlia.

A presiedere il rito, una Liturgia della Parola, senza la Messa, visto che Mistura non aveva ancora ricevuto il sacramento del Battesimo, è stato don Giacinto Panfilo, direttore dell’Istituto salesiano di Sondrio. Una celebrazione di rispetto, silenzio e commozione svoltasi presso la chiesa di San Rocco.

L'omelia di don Giacinto

Dicevo, all’inizio della celebrazione, che la Parola di Dio che è stata proclamata nelle letture ci deve guidare e accompagnare come persone e come comunità di credenti a sentire viva in mezzo a noi la presenza del Signore ed a condividere il dolore, lo strazio e le lacrime dei genitori e di tutte le persone che hanno cara Mistura e che solo pochi mesi fa avevano gioito per il suo natale.

La prima lettura ci ricorda che Dio è il Signore della Vita e che per questo sconfiggerà la morte per sempre perché per Lui “mille anni sono come un giorno solo” e per questo, aggiunge il salmista, “aiutaci a contare i nostri giorni e giungeremo alla Sapienza del cuore”. Così il Signore Gesù si fa vicino ed è presente per asciugare le lacrime sui nostri volti, perché non è un Dio insensibile, e ci chiede di non essere insensibili a chi è nel lutto, nel dolore e nel pianto.

Facciamo nostra l’implorazione del salmo 24 che è stato proclamato tra le due letture: “allarga il mio cuore angosciato e liberami dal tormento degli affanni”. Nel Vangelo poi è Gesù stesso che si parla perché Lui è la Parola che si fa Carne, è vita, è Amore che si offre, che si dona, che si fa Natale. Accettiamo con umiltà, fede e fiducia quanto ci dice oggi attraverso il soffio di vita di Mistura: “venite a me voi tutti che siete oppressi, affaticati e stanchi ed io vi darò ristoro e consolazione. Prendete il mio giogo sopra di voi ed imparate da me che sono mite ed umile di cuore e troverete la pace per la vostra vita”.

Cari fratelli e sorelle, anche noi facciamoci discepoli sinceri di Gesù Maestro e collaboriamo con Lui a gettare semi di amore, bontà e pace. Preghiamo perché accolga Mistura tra i suoi angeli che ci annunciano e donano la gioia del Natale».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo la celebrazione la piccola bara bianca di Mistura è stata seppellita presso il cimitero di Sondrio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morbegno piange Alberto Vinci, l'anima del Lokalino

  • Coronavirus, focolaio tra medici ed infermieri del Morelli di Sondalo dopo una festa tra colleghi

  • Giro d'Italia, dopo la partenza da Morbegno i ciclisti protestano per pioggia e freddo: tappa accorciata

  • Coronavirus a scuola, tre nuove classi (con le insegnanti) in isolamento a Livigno

  • Il coprifuoco in Lombardia è ufficiale: firmata l'ordinanza, torna l'autocertificazione

  • Livigno annuncia l'apertura della stagione invernale 2020-2021

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SondrioToday è in caricamento