rotate-mobile
Cronaca Grosio

Spagna, i fratelli Pini sono stati scarcerati su cauzione

Gli imprenditori grosini hanno passato 19 giorni in carcere. Sono accusati di "aggressione sessuale" e "violazione dei diritti dei lavoratori". Per l'accusa c'è il rischio che fuggano

I fratelli Piero e Mario Pini, arrestati a giugno in Spagna con le accuse di "aggressione sessuale" e "violazione dei diritti dei lavoratori", sono stati rilasciati su cauzione dopo 19 giorni in carcere. I due imprenditori grosini, di 70 e 66 anni, considerati tra i leader internazionali nella produzione della bresaola e della macellazione suina, erano detenuti nel carcere di Zuera, nella comunità autonoma dell'Aragona, dal 30 giugno scorso.

Fin da subito i Pini avevano negato le accuse. I loro avvocati, Pedro Javier Camarero ed Enrique Trebollé, hanno dichiarato di esser "sempre stati certi dell'innocenza di Piero e Mario Pini". "Per questo abbiamo presentato immediatamente una istanza di scarcerazione e raccolto elementi di prova significativi. La decisione del giudice è una conferma della nostra tesi: la condotta dei due imprenditori è stata più che corretta e le accuse sono infondate" hanno dichiarato i legali iberici.

I fratelli Pini sono stati rilasciati con il pagamento di una cauzione pari a 10mila euro. La donna che li ha denunciati ha raccontato di aver atteso diversi anni prima di trovare il coraggio di denunciare i suoi aggressori. Il suo rappresentante legale e la procura si erano opposti alla richiesta di scarcerazione provvisoria. Per l'accusa vi è l'esistenza di un evidente rischio di fuga dei due fratelli, dati "i legami personali e d'affari di entrambi in altri Paesi e la gravità dei fatti e delle pene elevate che comportano". Non da ultimo per l'avvocato della presunta vittima vi sarebbe la possibilità di manipolazione delle prove. Le indagini, ad ogni modo, proseguono.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spagna, i fratelli Pini sono stati scarcerati su cauzione

SondrioToday è in caricamento