Si fa recapitare la droga per posta: agli arresti domiciliari un 20enne di Bormio

Nuove modalità di reperimento di sostanze stupefacenti al tempo del coronavirus

Immagine d'archivio

L’attività investigativa, volta al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti ed alle nuove modalità di reperimento della droga in questo periodo di restrizione a causa del “covid-19”,  ha permesso al personale della squadra mobile di Sondrio, di trarre in arresto un giovane 20enne incensurato di Bormio.

Il ragazzo, infatti, S.T., è stato fermato giovedì 16 aprile mentre stava ricevendo, presso la propria abitazione, due pacchi postali contenenti sostanze stupefacenti. Dentro il primo pacco vi erano 13 grammi di  marijuana mentre nel secondo 1 grammo di cocaina e 100 grammi di marijuana.

A colpire gli inquirenti la precisione con cui lo stupefacente era stato ben impacchettato, in involucri di cellophane, al fine di eludere i controlli. L’ arrestato è stato sottoposto al regime di detenzione domiciliare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ponte in lutto per la morte della giovane Teresa

  • Talamona, padre e figlio in scooter non si fermano all'alt dei carabinieri: inseguiti e denunciati

  • Coronavirus, Dpcm e regole per Natale 2020: niente sci in Lombardia e niente cenoni

  • Nuova Olonio, sradicano il bancomat nella notte: ladri in fuga

  • Forcola, scivola nel bosco ghiacciato: 64enne muore dopo un volo di 100 metri

  • Violenza e minacce contro la fidanzata: denunciato 25enne

Torna su
SondrioToday è in caricamento