Per combattere il coronavirus tutta la Lombardia diventa "zona rossa": non si esce e non si entra fino al 3 aprile

Il decreto in bozze dovrebbe essere varato nelle prossime ore. Stop anche ai comprensori sciistici

Tutta la Lombardia diventa "zona rossa" e lo sarà fino al 3 aprile 2020. La notizia è arrivata nella serata di sabato 7 marzo 2020. Sono state definite, infatti, le nuove misure nazionali di contenimento dell'emergenza legata al Covid-19, il Coronavirus

Non c'è ancora la certezza ufficiale, ma le indicazioni delle autorità sanitarie nazionali sono chiare. Nell'articolo 1 della bozza del nuovo decreto del governo, comparso in diverse anticipazioni, che dovrebbe essere varato nelle prossime ore, compare il divieto di ingresso e di uscita dalla Lombardia e da altre 11 province, e l'estensione delle zone controllate a Piemonte ed Emilia-Romagna.

Nel dettaglio, le province diventate "zona rossa", oltre a quelle lombarde, sono le seguenti: Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Venezia, Padova, Treviso, Asti e Alessandria.

Si tratta di una misura che era stata paventata nelle scorse ore, ma anche smentita da più fonti: anche i vertici dell'Istituto Superiore di Sanità avevano confermato che era allo studio la possibilità di creare altre zone rosse, oltre ai dieci Comuni del Lodigiano e a un Comune del Veneto, ma non di rendere l'intera Lombardia una zona rossa. 

Lombardia zona rossa, come funziona: divieti e chiusure

Ma come funzionerà la zona rossa della Lombardia? Vi si potrà entrare ed uscire soltanto per gravi ed indifferibili motivi, di famiglia, personali e di lavoro. Le scuole saranno chiuse, le attività sciiistiche sospese così come gli eventi pubblici. Saranno chiusi i musei, le palestre, i teatri, le piscine e altro ancora. Potranno invece rimanere aperti i bar, i ristoranti e le attività commerciali, ma solo a patto di riuscire a fare rispettare la distanza di almeno un metro tra una persona e l'altra. I centri commerciali, nei weekend, dovranno essere chiusi.

Dall'assessore al welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera, sabato era arrivato un appello esplicito ai lombardi a non uscire di casa, evitare gli assembramenti e attivare il "distanziamento sociale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus in Lombardia, i dati aggiornati a sabato 7 marzo 2020

Sono 3.420 i casi positivi al test di Coronavirus in Lombardia nella giornata di sabato 7 marzo, con un incremento notevole rispetto al giorno prima dovuto a un "blocco" di 300 tamponi positivi da Brescia che non erano ancora stati processati. I deceduti sono 154 contro 135 del 6 marzo, tutti con un quadro già compromesso e anziani. I dimessi sono 524, quelli in isolamento a domicilio 722, quelli in terapia intensiva 359 (più 50 rispetto al 6 marzo). I tamponi effettuati sono 15.778, i ricoverati non in terapia intensiva 1.661.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in Svizzera, scosse percepite anche in provincia di Sondrio

  • Svizzera, neve e buio coprono i massi caduti sui binari: treno deraglia

  • Cosio Valtellino, grave bambino di 7 anni investito sulla vecchia statale

  • Coronavirus, al Morelli di Sondalo la situazione si fa seria

  • Coronavirus, focolaio nel pronto soccorso di Livigno: contagiati infermieri e autisti

  • Coronavirus, la settimana nera della scuola valtellinese: 18 classi in quarantena

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SondrioToday è in caricamento