Il sindaco di Sondrio rilancia l'allarme: «ll sistema sanitario è vicino al collasso. Rimanete a casa ed evitate il contatto con le persone»

Marco Scaramellini: «Chiedo anche ai giovani un aiuto concreto: rispettate le raccomandazioni e convincete i vostri amici a seguirvi! Fatelo per voi stessi, per i vostri genitori e per i vostri nonni»

L'emergenza coronavirus continua anche a Sondrio ed il sindaco del capoluogo, Marco Scaramellini, ha voluto rilanciare un appello a i suoi concittadini affinché rispettino le precrizioni del Governo per evitare il contagio di covid-19.

Con una lettera aperta, a pochi giorni dall'ultimo videomessaggio, il primo cittadino sondriese ha voluto rimarcare l'importanza di stare a casa.

Ecco di seguito le parole di Marco Scaramellini:

Cari concittadini, i casi di coronavirus accertati in città sono in aumento, seppure lieve, e lo stesso si può dire per il resto della provincia. Non lasciamoci però ingannare dai numeri ancora piccoli, se confrontati con quelle di altre province lombarde, perché è lecito attendersi un incremento nei prossimi giorni.

Dobbiamo quindi porre in atto tutti i comportamenti, suggeriti e imposti, per limitare la diffusione, anche perché, a livello lombardo, il sistema sanitario è vicino al collasso per il continuo aumento di pazienti in terapia intensiva che necessitano di cure per settimane prima della guarigione. Se c'è un contributo che possiamo e dobbiamo dare è quello di evitare che i malati aumentino, quindi rimanete nelle vostre abitazioni ed evitate il contatto con le persone.

Mi rivolgo in particolare agli anziani e alle persone già debilitate da patologie: prestate la massima attenzione. Chiedo anche ai giovani un aiuto concreto: rispettate le raccomandazioni e convincete i vostri amici a seguirvi! Fatelo per voi stessi, per i vostri genitori e per i vostri nonni.

I provvedimenti che noi sindaci dei capoluoghi di provincia avevamo sollecitato al Governo per il tramite della Regione Lombardia sono stati assunti, almeno in parte, e le misure restrittive inasprite. In accordo con gli altri sindaci dei capoluoghi lombardi, ho firmato un'ordinanza che vieta i mercati e chiude i parchi cittadini: non ci sono posti sicuri, se non le nostre case, e qualsiasi raggruppamento di persone è un potenziale pericolo. Faccio appello al buon senso affinché tutti rispettino le regole: dobbiamo farlo per noi stessi, per i nostri cari e per i nostri concittadini.

Il nostro impegno come Amministrazione comunale è massimo: stiamo attuando tutto quanto possa essere utile in questa situazione di emergenza. Vi informiamo anche attraverso la App "Vivi Sondrio", che vi preghiamo di scaricare gratuitamente per poter ricevere tutte le comunicazioni. Con la Croce Rossa e i volontari garantiamo un aiuto alle persone sole con la consegna della spesa e dei medicinali. Ricordo il numero verde 800-065510, attivo 24 ore su 24, per informazioni e supporto: le chiamate provenienti dal nostro territorio vengono trasferite alla Croce Rossa locale che interviene con volontari e mezzi in collaborazione con il Comune. Abbiamo concordato con Secam di intensificare il lavaggio delle vie e delle piazze cittadine: un lavaggio più accurato del solito, eseguito con idrogetto a pressione.

Sono orgoglioso di come la nostra città sta reagendo al dramma che stiamo vivendo: mi rendo conto che la situazione non è facile, soprattutto per alcune categorie di persone, ma i sacrifici sono necessari per superare l'emergenza. Il mio appello è di continuare in questo modo, di mantenere la calma e di adottare tutti i comportamenti consigliati. Ci vorrà del tempo ma ne usciremo: con questa convinzione dobbiamo affrontare le giornate e i problemi che si presenteranno.

Con l'impegno di tutti, soltanto in questo modo potremo fermare la diffusione del virus. Conto su di voi.

Marco Scaramellini
sindaco di Sondrio

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ardenno, tenta di uccidere i figli con il gas e di togliersi la vita: arrestata

  • Coronavirus, la Lombardia verso l'entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Talamona, padre e figlio in scooter non si fermano all'alt dei carabinieri: inseguiti e denunciati

  • Valmalenco, i carabinieri non riescono a calmare il figlio violento: sedato e ricoverato

  • Sci, verso la chiusura degli impianti di risalita per le vacanze: si attende la conferma del Dpcm

  • Coronavirus, Dpcm e regole per Natale 2020: niente sci in Lombardia e niente cenoni

Torna su
SondrioToday è in caricamento