Fontana: «In Lombardia 1400-1500 nuove persone contagiate. Rischiamo di andare fuori controllo con il nostro sistema sanitario»

L'allarme lanciato nel primo pomeriggio di oggi

Il numero di contagiati da coronavirus in Lombardia non smette di crescere. La conferma è arrivata dal presidente della Regione, Attilio Fontana, intervenuto ad una trasmissione ell'emittente televisiva "Italia 7 Gold".

«Purtroppo il numero di persone contagiate aumenta in maniera consistente, stiamo finendo di raccogliere i dati ma ci sono circa 1400-1500 nuove persone contagiate. Se non riusciamo a bloccare questo virus, rischiamo di andare fuori controllo con il nostro sistema sanitario» ha dichiarato il presidente della Lombardia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Numeri spaventosi che riceveranno conferma solo nel tardo pomeriggio di mercoledì 11 marzo, sempre che non aumentino nel mentre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in Svizzera, scosse percepite anche in provincia di Sondrio

  • Coronavirus, lunedì si decidono le sorti della Lombardia: lo spettro del lockdown

  • Svizzera, neve e buio coprono i massi caduti sui binari: treno deraglia

  • Cosio Valtellino, grave bambino di 7 anni investito sulla vecchia statale

  • Coronavirus, focolaio nel pronto soccorso di Livigno: contagiati infermieri e autisti

  • Coronavirus, al Morelli di Sondalo la situazione si fa seria

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SondrioToday è in caricamento