Nuova svolta nel caso

Avrebbe commissionato l'incendio del suo capannone: arrestato il titolare della Work Safety

Le indagini dei carabinieri, agevolate anche dalla collaborazione dei due esecutori materiali e del mandante del crimine, hanno portato a questa ennesima svolta nel caso

Nella mattinata odierna i carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Sondrio hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare (arresti domiciliari), emessa dal Tribunale di Sondrio su richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti del titolare della ditta Work Safety di Castione Andevenno, Andrea Taurino, ritenuto essere corresponsabile dell'incendio del capannone della propria ditta.

I fatti

La sera del 16 settembre un incendio ha distrutto il magazzino della ditta Work Safety di Castione Andevenno. Le indagini dei carabinieri - immediate e serrate - sono iniziate sin dalla fase di spegnimento delle fiamme da parte dei vigili del fuoco, durata diverse ore, con l'acquisizione delle dichiarazioni di testimoni presenti che da subito hanno fatto propendere per l'origine dolosa del fatto, essendo stato visto in particolare un furgone bianco con due persone a bordo allontanarsi a forte velocità dal parcheggio esterno della ditta, poco prima che le fiamme iniziassero a divampare, segnalando inoltre di avere udito un'esplosione provenire dall'interno del capannone andato distrutto.

La visione dei filmati estrapolati dai sistemi di videosorveglianza presenti in zona ha permesso di risalire al furgone (Fiat Fiorino) noleggiato da una società di Milano, a cui gli occupanti avevano sostituito le targhe appena giunti in Valtellina con altre appositamente prelevate dalla macchina di un complice, anch'egli sottoposto a misura cautelare. I due si sono poi diretti verso la ditta Work Safety di Castione Andevenno e lì hanno innescato dopo pochi minuti l'incendio, per poi allontanarsi a forte velocità abbandonando le targhe posticce in un terreno incolto a Berbenno di Valtellina. Le targhe sono state rinvenute dai carabinieri e poste sotto sequestro, anche se il proprietario ne aveva nel frattempo denunciato falsamente il furto.

I responsabili

I carabinieri, attraverso la meticolosa visione di numerosissime immagini, hanno comparato il volto degli occupanti del Fiat Fiorino con le fotografie dei cartellini fotosegnaletici presenti nella banca dati delle Forze di Polizia, riuscendo a risalire alle generalità degli stessi: due cinquantunenni residenti a Milano, già denunciati in passato per vari reati e dipendenti della società che aveva preso a noleggio il furgone, che co-munque è risultata estranea al fatto. Nei confronti dei due, la Procura di Sondrio ha chiesto e ottenuto dal GIP una prima ordinanza di custodia cautelare in carcere. Questa misura ha interessato anche il proprietario dell'autovettura (di 40 anni e domiciliato a Milano) a cui erano state tolte le targhe utilizzate per mascherare il furgone a noleggio, in quanto sono stati acquisiti nei suoi confronti chiari elementi indicatori della sua complicità con gli autori materiali dell'incendio. La prima ordinanza di custodia cautelare è stata eseguita il 29 settembre 2023.

Il mandante

Le indagini sono proseguite, anche grazie alle prime dichiarazioni dei tre arrestati e vaIorizzando il possibile movente. Grazie agli approfondimenti, è emerso che i due che avevano materialmente appiccato l'incendio avevano eseguito il delitto accettando la promessa di una somma di denaro da parte di un quarto soggetto, un sessantaduenne di Corsico che li aveva ingaggiati. Nei confronti di quest'ultimo, la Procura di Sondrio ha richiesto ed ottenuto la misura della custodia in carcere, che è stata eseguita lo scorso 20 ottobre.

Nuova svolta

Le indagini sono proseguite ulteriormente, alla ricerca del portatore del movente del delitto, che è stato individuato anche grazie all'ampia collaborazione di quest'ultimo arrestato, le cui dichiarazioni ampiamente confessorie e collaborative hanno integrato in dettaglio numerosi altri elementi di prova significativi. Le dichiarazioni di quest'ultimo e i numerosi elementi acquisiti, sia prima che dopo il suo interrogatorio, hanno consentito di confezionare un quadro probatorio solido, inducendo la Procura della Repubblica a chiedere e ottenere dal GIP un'ulteriore ordinanza custodiale, nei confronti dello stesso titolare della ditta proprietaria del capannone devastato dall'incendio e del suo contenuto.

Secondo gli elementi raccolti dalla Procura e ora a disposizione della difesa, costui avrebbe commissionato al sessantaduenne di Corsico l'incendio del proprio capannone, promettendogli una cospicua somma di denaro e una carica dirigenziale all'interno di una nuova società ancora da costituire. Il titolare della Work Safety avrebbe personalmente consegnato al sodale di Corsico metà della somma pattuita e le chiavi della ditta, con le quali i due esecutori materiali hanno avuto facile accesso al magazzino da incendiare. La ragione sottostante, il probabile movente del delitto, sarebbe costituito dallo scopo di ottenere l'importante indennizzo assicurativo connesso all'incendio, in base ad una polizza che il titolare della società Work Safety aveva stipulato.

Il GIP del Tribunale di Sondrio, condividendo le risultanze investigative indicate nella richiesta di misura cautelare della Procura della Repubblica e valutate le condizioni di salute dell'indagato, ha emesso nei confronti del titolare della ditta un'ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari, cui è stata data esecuzione in data odierna, con l'accompagnamento dell'arrestato presso la propria abitazione a disposizione dell 'Autorità Giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Avrebbe commissionato l'incendio del suo capannone: arrestato il titolare della Work Safety
SondrioToday è in caricamento