rotate-mobile
Impegno quotidiano

Sondrio: una provincia sicura, ma in cui si consumano troppa droga e alcol

Il discorso del comandante provinciale dei carabinieri Marco Piras nella festa per i 210 anni di fondazione dell'Arma

In piazza Garibaldi a Sondrio si è tenuta ieri la festa per il 210mo anniversario della fondazione dell'Arma dei carabinieri. Un'occasione, innanzitutto, per tracciare un bilancio dell'attività svolta e poi per sottolineare il grande impegno degli uomini in divisa.

"La provincia - ha sottolineato il comandante provinciale Marco Piras nel suo discorso - si è confermata sostanzialmente sicura: la popolazione vive serena, senza temere per la propria incolumità, perchè ancora lontana dai fenomeni criminali estesi, organizzati o particolarmente aggressivi".

"Tuttavia - ha proseguito Piras - il territorio è esposto ad alcuni fattori critici peculiari difficili da constrastare come il consumo di stupefacenti e quello eccessivo di alcolici. Da molti questo è ritenuto uno svago personale e inoffensivo, ma al contrario crea terreno fertile per il compimento di altri reati: incidenti stradali, spesso con conseguenze tragiche, drammi familiari, tra cui indebitamenti o violenze domestiche, furti, rapine, risse".

A vigilare su quanto accade, per prevenire tali reati e situazioni o per "porvi rimedio", gli uomini dell'Arma dei carabinieri: "I nostri carabinieri anche quest'anno hanno affrontato l'impegno a cui sono chiamati con ammirevole dedizione, quella autentica di ogni carabiniere. Il loro impegno quotidiano, fatto di servizi gravosi svolti in ogni orario, magari in concomitanza di giorni importanti, magari festivi, durante i quali avrebbero potuto restare vicini alle loro famiglie, è stato ripagato principalmente dalla consapevolezza di aver servito la comunità di cittadini di loro riferimento".   

Festa Fondazione Arma Carabinieri - 5 giugno 2024

Le premiazioni

Proprio per il loro impegno e per essersi particolarmente distinti in servizio, tre carabinieri sono stati premiati sul palco allestito in piazza Garibaldi: si tratta del luogotenente Raffaele Meneghin, che ha ricevuto il nastrino di merito per i 20 anni di comando della Stazione dei carabinieri. L'appuntato scelto Enzo Iannone e il carabiniere scelto Giulio Scarcella hanno ottenuto l'apprezzamento del comandante della Legione carabinieri della Lombardia per aver salvato un giovane che, dopo un incidente stradale a Bormio, nel tentativo di fuga era finito in acqua svenendo e rischiando l'annegamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sondrio: una provincia sicura, ma in cui si consumano troppa droga e alcol

SondrioToday è in caricamento