rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Cronaca Rasura

Virus pericoloso per l'uomo scoperto in un camoscio morto

L'animale rinvenuto nei boschi di Rasura il mese scorso

Un camoscio positivo alla meningoencefalite da zecche (TBE) è stato recuperato nei boschi di Rasura il 13 aprile scorso. Sono state le analisi virologiche e sierologiche, condotte sulla carcassa dell'animale, ad evidenziare la positività. Una notizia che desta preoccupazione, alla luce della gravità del trasmissività della malattia virale all'uomo. Casi analoghi erano stati segnalati l'autunno scorso in provincia di Lecco.

Come spiegato dall'Istituto Superiore della Sanità, "la meningoencefalite da zecche (Tbe: Tick Borne Encephalitis), o meningoencefalite primaverile-estiva, è una malattia virale acuta del sistema nervoso centrale, causata da un arborvirus appartenente al genere Flavivirus, molto simile ai virus responsabili della febbre gialla e della dengue. Le zecche, e in particolar modo Ixodes ricinus e Ixodes persulcatus, operano sia come vettori che come serbatoi. Anche le zecche del genere Dermacentor (zecca del cane) ed Haemaphysalis possono trasmettere l’infezione".

L'infezione nell'uomo

Dopo il morso di zecca infetta nell’uomo, nel 70% dei casi circa, si manifesta un’infezione senza o con sintomi poco rilevanti, che può passare inosservata. Nel restante 30% dei casi, dopo 3-28 giorni dal morso di zecca si ha una prima fase con sintomi similinfluenzali come febbre alta, mal di testa importante, mal di gola, stanchezza, dolori ai muscoli e alle articolazioni per 2-4 giorni. Poi la temperatura scende e in genere non ci sono ulteriori conseguenze. Nel 10-20 per cento di questi casi, dopo un intervallo senza disturbi di 8-20 giorni, inizia una seconda fase caratterizzata da disturbi del sistema nervoso centrale (encefalite, paralisi flaccida a esito mortale nell’1% dei casi). Nei bambini e nei soggetti più giovani la Tbe mostra generalmente un decorso più mite, con progressivo aumento della severità al progredire dell’età.

Profilassi specifica

Il vaccino contro la TBE, da tempo in uso in molti Paesi dell’Europa centrale e settentrionale, è stato recentemente registrato anche in Italia con procedura di mutuo riconoscimento comunitario. Il vaccino è entrato in commercio nel nostro Paese all’inizio del 2006. Il ciclo vaccinale di base prevede la somministrazione di tre dosi (all’età di 0, 1-3 mesi, 9-12 mesi) con richiami a cadenza triennale, per via intramuscolare, preferibilmente nella regione deltoidea. Esiste anche la possibilità di seguire un ciclo accelerato di vaccinazione, che però non garantisce gli stessi risultati del ciclo classico, in termini di risposta anticorpale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Virus pericoloso per l'uomo scoperto in un camoscio morto

SondrioToday è in caricamento