Maltrattamenti, violenze e minacce contro la compagna, giovane tiranese in carcere

Nel mese di febbraio la donna, stanca di subire, aveva contattato il numero verde nazionale antiviolenza e si era rivolta presso gli Uffici della Questura, per sporgere denuncia

Era il tardo pomeriggio di martedì 28 luglio 2020 quando gli operatori della squadra mobile della Questura di Sondrio hanno portato ad esecuzione un'ordinanza cautelare in carcere per il reato di maltrattamenti in famiglia e atti persecutori nei confronti di M.D.L, di 32 anni, originario di Tirano, ma residente in Sondrio.

L'uomo si era reso responsabile di ripetuti episodi di maltrattamenti, violenza e minaccia nei confronti della sua compagna D.M., originaria di Morbegno, di anni 43, già agli inizi della loro convivenza, risalente agli inizi di maggio 2019, fino agli ultimi giorni, nonostante i vari interventi delle forze dell'ordine.

Nel mese di febbraio la donna, stanca di subire, aveva contattato il numero verde nazionale antiviolenza e si era rivolta presso gli Uffici della Questura, per sporgere denuncia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano e Lombardia, ecco l'elenco delle attività e dei negozi aperti e quelli chiusi in zona rossa

  • Ritrovata senza vita nell'Adda la donna di Buglio in Monte scomparsa domenica

  • Sondrio in lutto per la morte di Stefania Barcio

  • Covid, un nuovo focolaio nel reparto di Neurologia dell'ospedale di Sondrio

  • Tir carico di fieno prende fuoco in strada, attimi di panico sulla nuova SS38. Traffico deviato

  • Corruzione e truffa aggravata, nei guai ex primario del Morelli di Sondalo

Torna su
SondrioToday è in caricamento