Scende dal treno con 30 ovuli di hashish: arrestato nigeriano

Una pattuglia della Tenenza di Tirano della Guardia di Finanza, durante un'ordinaria attività di controllo, si è insospettita dal fare dall'uomo

Un 30enne nigeriano è stato arrestato da una pattuglia della Tenenza di Tirano della Guardia di Finanza perchè trovato in possesso di tre etti di hashish suddivisi in ovuli.

I militari si trovavano presso la stazione ferroviaria della cittadina abduana per un'ordinaria attività di controllo quando, insospettiti dall'uomo, mentre scendeva con fare circospetto da un treno appena giunto da Milano, cercano di avvicinarsi. Il nigeriano, alla vista dei finanzieri, si dava alla fuga lungo la banchina gettando via un involucro.

I componenti della pattuglia sono riusciti a fermare il sospetto e nel contempo a recuperare l’incarto, all’interno del quale venivano ritrovati 30 ovuli contenenti un totale di tre etti di hashish.

Su indicazione del Pubblico ministero della Procura della Repubblica di Sondrio, il trentenne è stato portato presso il carcere di Sondrio, a disposizione dell’Autorità giudiziaria, per il reato di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tuffa da due metri dove l'acqua è poco profonda, attimi di panico a Sondrio

  • Morto improvvisamente lo psichiatra Giuseppe Zecca

  • Elicottero in avaria effettua atterraggio d'emergenza, paura a Colico

  • È il piccolo Gabriele il simbolo della ripartenza del Morelli dopo l'emergenza covid

  • La banca non le concede un prestito e si rivolge ad un'inserzione online: truffata

  • Un decesso ed un nuovo caso di positività al coronavirus in Provincia di Sondrio

Torna su
SondrioToday è in caricamento