menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine d'archivio

Immagine d'archivio

Usavano le auto della Croce Rossa per scopi privati, due giovani volontari agli arresti domiciliari

Nei guai due 20enni della Valmalenco: accusati di peculato. Le presidente CRI Gualteroni: «Non si possono tollerare comportamenti che ledano l’immagine dell’Associazione»

Due giovani volontari della Croce Rossa di Sondrio si trovano agli arresti domiciliari con l'accusa di peculato. È la decisione presa dal giudice per le indagini preliminari, Antonio De Rosa, nei confronti dei due ventenni malenchi, M. N. di Chiesa in Valmalenco e F. M. di Lanzada, scoperti ad utilizzare i mezzi di servizio della CRI per spostamenti privati, senza un giustificato motivo. I due per mesi hanno utilizzato anche la scheda carburante intestata alla Croce Rossa, sia per rifornire i mezzi indebitamente utilizzati (anche fuori provincia), sia per rifornire i loro mezzi privati.

A segnalare il comportamento scorretto era stata la presidente del comitato CRI provinciale, Giuliana Gualteroni, con una segnalazione alle autorità preposte: «L’inchiesta giudiziaria ha preso l’avvio da una segnalazione da me inoltrata alle autorità giudiziarie (Arma dei Carabinieri) in quanto dai rituali controlli che si effettuano sull’utilizzo degli automezzi CRI e dei beni dell’Associazione erano emerse alcune anomalie riconducibili ad un utilizzo improprio degli stessi da parte di due volontari».

«Croce Rossa Italiana è una Associazione che si fonda su chiari principi di onestà e correttezza, opera sulla base di un Codice Etico e di precisi regolamenti. Chi indossa la nostra divisa deve essere consapevole del grande significato che ha il nostro emblema.  Non si possono tollerare comportamenti che ledano l’immagine dell’Associazione e non siano rispettosi nei confronti di tanti Volontari che dedicano il loro tempo ad aiutare gli altri, rischiando la vita o addirittura sacrificandola per svolgere il proprio dovere» ha aggiunto la presidente.

Il commento dell'avvocato di M.N.: «CRI doveva gestire meglio la vicenda»

«In una famiglia grande come la nostra può capitare che qualcuno venga meno ai nostri principi, ma i nostri Coordinatori, il Consiglio Direttivo e la sottoscritta vigilano sull’operato di tutti perché la popolazione possa mantenere inalterata la fiducia che ci riserva.  Certo quanto accaduto è fonte di grande rammarico, ma ringraziamo le Forze dell’Ordine che hanno agito con grande tempestività permettendoci di ripristinare quanto prima ordine e trasparenza» ha concluso Giuliana Gualteroni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento