menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La Valchiavenna vista dalla Foppaccia (Foto di Enrico Minotti)

La Valchiavenna vista dalla Foppaccia (Foto di Enrico Minotti)

Aree interne: un milione e 250 mila euro alle imprese della Valchiavenna per sostenere gli investimenti

Flavio Oregioni: "Il progetto Aree interne entra nella sua piena operatività rivelando, con i numeri, le sue enormi potenzialità"

Due anni e mezzo di tempo e un milione e 250 mila euro per le imprese della Valchiavenna per investimenti produttivi: li mette a disposizione la Regione Lombardia con il bando denominato ‘Al via’ che destina alla valle, quale Area interna, una riserva di risorse sulla dotazione complessiva di 150 milioni di euro. Le imprese locali avranno dunque una via esclusiva per accedere a una misura che prevede contributi in conto capitale e in conto interesse e garanzia regionale che abbassano notevolmente il tasso di interesse. 

«Con l’uscita di questo bando - sottolinea il presidente della Comunità Montana della Valchiavenna Flavio Oregioni - il progetto Aree interne entra nella sua piena operatività rivelando, con i numeri, le sue enormi potenzialità. La regia è degli enti pubblici ma i protagonisti sono gli operatori privati che possono contare su opportunità come questa per avere accesso ai finanziamenti regionali. Si tratta di una precisa scelta che abbiamo operato nell’intento di dare centralità al ruolo degli imprenditori quali propulsori dello sviluppo: avremmo potuto concentrare i contributi sul settore pubblico ma abbiamo ritenuto premiante per l’intero progetto coinvolgere i privati».

Le domande potranno essere presentate dalle imprese attive da almeno due anni, con sede in uno dei dodici comuni della Valchiavenna, a partire dal 5 luglio e fino al 31 dicembre 2019, su due linee di intervento: sviluppo aziendale e rilancio aree produttive.

«Questa è una sfida riservata a pochissime aree in Italia che possiamo vincere soltanto se lavoreremo tutti insieme, enti pubblici e operatori privati - dichiara il sindaco di Chiavenna Luca Della Bitta -, per questo abbiamo deciso di far confluire parte delle risorse economiche a disposizione sul sistema delle imprese. La nostra strategia di area interna è quella di mettere al centro le esperienze degli operatori affinché trovino le condizioni ideali per promuovere i loro progetti. Grazie a questi finanziamenti agevolati le aziende potranno investire per sviluppare le loro attività e per rafforzare la presenza sui mercati».

Gli investimenti ammessi a finanziamento, da un minimo di 53 mila euro a un massimo di tre milioni per la linea dello sviluppo aziendale e di sei per il rilancio delle aree produttive, devono essere finalizzati all’ammodernamento di strutture e impianti, al miglioramento dell’efficienza e della sicurezza dei processi produttivi, alla riqualificazione o alla riconversione territoriale di aree produttive. Sono previsti finanziamenti a medio e lungo termine, una garanzia regionale gratuita sul 70% del finanziamento, contributi a fondo perduto in conto capitale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento