rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Aziende Sondalo

Alta Chirurgia toracica, il nuovo corso del Morelli: salvate due vite

Con il nuovo primario Scanagatta eseguiti due interventi molto complessi per salvare due pazienti provenienti da fuori provincia da tumori al polmone e alla trachea. Le foto

In poche settimane due interventi chirurgici delicati e complessi, che hanno risolto problemi molto seri per due pazienti provenienti da fuori provincia, per l'équipe della Chirurgia toracica dell'Ospedale Morelli guidata dal dottor Paolo Scanagatta.

Mentre il paziente operato il 22 settembre scorso per rimuovere un tumore al polmone, sul quale nessun altro medico aveva voluto intervenire, ha iniziato il percorso di riabilitazione, mercoledì scorso è stato eseguito un intervento alla trachea che soltanto pochissimi presidi ospedalieri eseguono sul territorio nazionale. Il paziente da ieri è seguito dai medici della Terapia intensiva, per il delicato periodo post operatorio.

Anche in questo, caso come nel precedente, l'intervento si era reso necessario per la rimozione di una neoplasia (tumore) il cui sviluppo avrebbe messo a rischio la vita del paziente: sono stati veri e propri interventi di salvataggio, urgenti e delicati, in assenza di alternative praticabili. L'operazione di mercoledì scorso, durata diverse ore, è consistita nell'asportazione di quasi metà trachea attraverso due tempi chirurgici distinti e sequenziali.

Nello specifico, l'intervento è iniziato con una videotoracoscopia destra biportale, sezionando il legamento polmonare inferiore, procedendo quindi con un release pericardico circonferenziale per ottenere la mobilizzazione dell'asse tracheobronchiale. Questi passaggi hanno consentito di proseguire con il secondo tempo chirurgico, in cervicotomia combinata con la sezione del manubrio dello sterno e procedendo all'asportazione di cinque centimetri di trachea, nel suo tratto medio, quasi la metà della sua lunghezza complessiva (12 cm). Durante tale manovra la ventilazione veniva garantita tramite l'intubazione del tratto inferiore della trachea eseguita dai chirurghi direttamente dal campo operatorio.

Interventi record di Alta Chirurgia toracica al Morelli di Sondalo - ottobre 2021

"Si tratta di un intervento raro che viene eseguito di norma in pochi centri specializzati - spiega il dottor Scanagatta -: io stesso, durante più di vent'anni di esperienza chirurgica, ho partecipato al massimo ad una decina di interventi di questo tipo. Hanno tempi molto complessi sia dal punto di vista anestesiologico che chirurgico e solo le Chirurgie toraciche migliori sono in grado di gestirli".

L'equipe

Fondamentale si è rivelata la sintonia che si è da subito creata tra il dottor Scanagatta e i suoi collaboratori. Il team chirurgico era formato da Francesco Inzirillo, Giuseppe Naldi, Casimiro Giorgetta, Eugenio Ravalli e Giuseppe Matteucci, oltre agli anestesisti Matteo Ferrario e Angela De Tollis e all'équipe infermieristica del blocco operatorio dell'Ospedale di Sondalo coordinata da Cesare Mevio.

"Un altro intervento di quelli che si fanno pochissime volte in pochi centri specializzati! E siamo ancora all’inizio!" è stato il commento del dottor Inzirillo.

Per il dottor Scanagatta, entrato in servizio soltanto un mese fa al Morelli dopo la lunga esperienza maturata all'Istituto dei Tumori di Milano, è il secondo di una serie di interventi di alto profilo già programmati su pazienti provenienti da fuori provincia. In queste settimane sono stati inoltre eseguiti altri interventi complessi su pazienti. Una sfida per la sua équipe e per l'Ospedale di Sondalo che il dottor Scanagatta intende riportare ad essere attrattivo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alta Chirurgia toracica, il nuovo corso del Morelli: salvate due vite

SondrioToday è in caricamento