menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sondrio, all'ospedale riprendono gradualmente visite ed esami non urgenti

«Il ritorno alla normalità sarà graduale - conclude il direttore generale Saporito - e condizionato dalle norme sulla sicurezza e il distanziamento sociale»

A seguito della progressiva riapertura delle attività, l'Asst sta pianificando il graduale riavvio delle attività ambulatoriali presso gli Ospedali di Sondrio e di Chiavenna, il Pot di Morbegno e il Presidio territoriale di Tirano, secondo quanto previsto dalle linee direttive regionali. Per quanto riguarda Sondrio le modifiche verranno introdotte a partire da lunedì 18 maggio. Dal 2 marzo scorso, con la trasformazione del Morelli in ospedale covid-19, presso l'ospedale del capoluogo sono state concentrate tutte le attività sanitarie, mediche e chirurgiche d'urgenza e quelle ambulatoriali non differibili, le emergenze e le urgenze, comprese, provvisoriamente, le alte specializzazioni, e sono state garantite le terapie oncologiche e radioterapiche e la dialisi. 

«Se il Morelli ha sostenuto la pressione fornendo una risposta efficace ai bisogni di cura, nel caso specifico dei malati covid-19 - sottolinea il direttore generale Tommaso Saporito -, altrettanto ha fatto Sondrio, che ha garantito tutte le prestazioni grazie all'impegno di medici, infermieri e personale sociosanitario, accogliendo pazienti dall'intera provincia, proponendosi quale ospedale di riferimento per i cittadini». 

Da lunedì riprenderanno gradualmente visite ed esami non urgenti, sospesi negli ultimi due mesi, partendo da alcune specialità. Nel frattempo proseguirà la programmazione in vista della ripresa dell'erogazione di tutte le prestazioni con priorità "D", ovvero differite, presso i poliambulatori di Sondrio, Chiavenna, Morbegno e Tirano. A causa della necessaria dilazione degli appuntamenti, per limitare l'afflusso e la presenza in contemporanea di utenti, sarà prevista una estensione degli orari di apertura degli ambulatori per soddisfare le richieste dei mesi scorsi e recuperare visite ed esami che erano stati sospesi.

«Il ritorno alla normalità sarà graduale - conclude il direttore generale Saporito - e condizionato dalle norme sulla sicurezza e il distanziamento sociale: chiediamo la collaborazione degli utenti affinché tutto si svolga in modo regolare, soprattutto nelle prime settimane. Sarà fondamentale il rigoroso rispetto delle regole e preghiamo gli utenti di attenersi alle indicazioni che forniremo in fase di prenotazione anche riguardo agli accessi».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Chiuro in lutto, il covid si è preso don Attilio Bianchi

Attualità

Bambini, apre a Sondrio il negozio di giocattoli "Città del sole"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento