Vaccini, altre 500 mila dosi con la decima gara. Ma è una corsa contro il tempo

"Rastrellamento" in extremis per trovare i vaccini anti influenzali per coprire le fasce fragili della popolazione lombarda

Porterà altre 500 mila dosi di vaccino anti influenzale la decima gara in pochi mesi indetta allo scopo da Regione Lombardia per trovare i vaccini che verranno somministrati anzitutto alle fasce fragili della poplazione. La nona gara era andata a vuoto: l'esito del 30 settembre ammetteva che l'unica azienda disponibile (cinese) avrebbe offerto 1,5 milioni di vaccini a oltre 15 euro l'uno (contro i 10 richiesti da Regione) ma fuori tempo massimo, in tre mesi. Troppi. 

Così, decima gara identica (1,5 milioni di dosi per 10 euro di costo ciascuno) e, stavolta, sono state trovate 500 mila dosi. Una corsa contro il tempo visto che siamo a ottobre e la campagna vaccinale sta per partire. Le dosi erano, finora, due milioni e 400 mila, di cui però circa 500 mila per i bambini, mentre solo gli over 60 (che da protocollo ministeriale vanno vaccinati a carico delle Regioni) sono in Lombardia quasi tre milioni. A cui aggiungere gli altri soggetti fragili: persone con più patologie, operatori sanitari e via dicendo.

Le dosi si stanno esaurendo

Dieci gare di cui molte andate deserte, tra cui la prima di febbraio-marzo, quando Regione voleva pagare i vaccini a meno di 5 euro l'uno e non ha trovato aziende disposte a offrirli. Il prezzo è schizzato nel frattempo in alto, ma trovare le dosi è sempre meno semplice. La "concorrenza" è fortissima, sia tra le regioni italiane sia in tutto il mondo. La stessa Lombardia ha comunque acquistato l'80% di dosi in più rispetto all'anno scorso. 

Privati: vaccini a 50 euro

Per chi non rientra nelle categorie "garantite" sarà però molto complicato accedere alla vaccinazione anti influenzale: le dosi "private" sono ovviamente poche. Le farmacie lamentano che ne servirebbero oltre un milione in Lombardia, ma per ora non ci sarebbero. L'Auxologico, che offre la vaccinazione privata a 50 euro ai maggiorenni, ha esaurito al momento le richieste. Gli operatori sanitarii del privato sono esclusi dalla campagna di vaccinazione della Regione, contrariamente agli anni passati: +Europa ha presentato in proposito una mozione che verrà discussa martedì in consiglio regionale. E anche il Pd attacca la giunta: come è possibile, si chiede, che i privati come Auxologico siano riusciti a reperire le dosi e Regione no?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ponte in lutto per la morte della giovane Teresa

  • Coronavirus, firmato il decreto legge che "blinda" Natale e Capodanno

  • Nuova Olonio, sradicano il bancomat nella notte: ladri in fuga

  • Da domenica la Lombardia diventa zona arancione: la conferma del Governo

  • Arriva l'inverno in Valtellina e Valchiavenna: previste le prime nevicate

  • Spostamenti vietati a Natale, Santo Stefano e Capodanno: le regole del nuovo Dpcm

Torna su
SondrioToday è in caricamento