menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vaccino antinfluenzale, Asst ha somministrato 5250 vaccini a persone fragili, malati cronici e over 65

Attesa nei prossimi giorni una nuova fornitura. Gli appuntamenti sono stati riprogrammati per i prossimi giorni ma tutte le prenotazioni con priorità sono confermate 

Si cerca di fare chiarezza in provincia di Sondrio per quanto riguarda la campagna antinfluenzale. Dopo i chiarimenti di Ats della Montagna (leggi qui), responsabile della fornitura dei vaccini a medici di base e presidi ospedalieri, ecco i dati di Asst Valtellina e Alto Lario. A tal proposito, alla giornata di martedì 1 dicembre, presso i Centri vaccinali Asst, sono stati somministrati 5250 vaccini antinfluenzali ad altrettante persone con priorità, ovvero ultrasessantacinquenni, malati cronici e soggetti fragili, che si erano prenotate a partire dal 12 ottobre scorso e che sono state vaccinate dalla prima settimana di novembre.

Come dichiarato dalla stessa Asst, «seppure con qualche ritardo e con la necessità di dover riprogrammare alcuni appuntamenti, i Centri vaccinali proseguono nella somministrazione del vaccino per soddisfare le richieste di quanti si erano prenotati». 

La previsione del +50%

Con l'arrivo della prossima fornitura di vaccini, prevista per lunedì scorso e slittata di qualche giorno, sarà possibile vaccinare tutte le persone che si sono prenotate per arrivare a un totale di oltre settemila, quasi il 50% in più rispetto agli anni scorsi. Secondo le disposizioni del ministero della Salute, la vaccinazione viene offerta ai soggetti che per le loro condizioni personali corrono un maggior pericolo di complicanze nel caso in cui contraggano l’influenza.

In particolare, la vaccinazione è gratuita per chi ha compiuto i 65 anni, per le categorie a rischio, quali malati cardiopatici, con patologie respiratorie, diabetici, oncologici e altri. Questi utenti possono scegliere di rivolgersi al medico di base o alle sedi vaccinali dell’Asst Valtellina e Alto Lario attive presso i Presst, i sette presidi socio-sanitari territoriali. Se si considera l'intero territorio sul quale opera l'Azienda, la provincia di Sondrio e quella di Como per il solo Alto Lario, fino a Dongo, le persone che rientrano nelle categorie individuate in via prioritaria per essere vaccinate gratuitamente sono circa 50 mila.

«A tutte le persone che rientrano nelle categorie a cui è riservata la priorità, e che si sono prenotate presso i Centri vaccinali dell'Asst Valtellina e Alto Lario, sarà regolarmente somministrato il vaccino antinfluenzale nei prossimi giorni» si legge in una nota di Asst Valtellina e Alto Lario

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento