Rischio slavine alto, niente Passo Gavia per il Giro d'Italia 2019

Il maltempo di queste ore vanifica il duro lavoro di pulizia del manto stradale dei giorni scorsi. La tappa verrà ridisegnata senza la regina delle salite, confermata invece l'ascesa al Mortirolo

Troppa la neve sul Passo Gavia per permettere un transito sicuro

Il Giro d'Italia 2019 non passerà dal Passo Gavia, ora è ufficiale. Dopo giorni di incertezza, lavori senza sosta e dita incrociate ecco che la Corsa Rosa ha dovuto arrendersi all'evidenza: la neve sul Passo è troppa per permettere un transito sicuro agli atleti in gara.

61330991_2331071270292763_5171772774850494464_n-2

«Abbiamo deciso, alla luce delle risultanze meteo dei prossimi giorni che danno un peggioramento e visto cosa ci dicono i meteorologi della Lombardia, che non faremo il Gavia. C'è il forte rischio di slavine, riteniamo di prendere già stasera una decisione, in modo da preorganizzare la tappa in modo corretto» ha annunciato il direttore del Giro d'Italia, Mauro Vegni, in vista 16/a tappa, di martedì 28 maggio, da Lovere (Bg) a Ponte di Legno (Br), lunga 226 km. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

19giro16a-1320x754-2Dopo aver ringraziato chi da giorni, su entrambi i fronti ha lavorato incessantemente per liberare la strada dalla copiosa neve, Vegni ha illustrato la tappa "ridisegnata". La 16esima frazione del Giro 2019 sarà di 194 km rispetto ai 226 programmati, con un dislivello che si attesta comunque attorno ai 4800 metri. Rispetto al percorso originale, prima di arrivare a Edolo è stata inserita una salita inedita, quella del Cevo, 1054 metri di altitudine, gpm di terza categoria, per scendere di nuovo a Edolo, fare l’Aprica dalla parte “dura”, quella interna al paese. Si scenderà poi a Stazzona per arrivare a Mazzo di Valtellina, affrontare i 1854 metri del Mortirolo e chiudere sul traguardo di Ponte di Legno. Pur avendo già affrontato i 2247 metri del Lago Serrù, la nuova Cima Coppi diventa il Passo Manghen, 2047 metri nella penultima tappa, la Feltre-Croce d’Aune, «perché è la vetta più alta della corsa dopo la cancellazione del Gavia», ha specificato Vegni

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, crescono i casi di positività in Valtellina e Valchiavenna

  • Fuga di gas dallo scaldabagno, 25enne muore in baita in Val Poschiavo

  • Coronavirus a scuola, una nuova classe in quarantena a Valfurva

  • Ecco l'autunno: freddo, neve e grandine in provincia di Sondrio

  • Coronavirus, nuovo caso all'Alberti di Bormio: un'altra classe in quarantena

  • Bambina di 7 anni urtata da un trattore: ricoverata all'ospedale di Bergamo in gravi condizioni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SondrioToday è in caricamento