menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tirano, riapertura del parco giochi di via Garibaldi

Nuovi giochi per il Parco dei Maestri di Viale Garibaldi e “bat-box” per ridurre le zanzare

Riapre ai bambini e alle famiglie il parco giochi di Viale Garibaldi, adiacente alle scuole Credaro. L’area verde era l’unica rimasta chiusa al pubblico dopo il lockdown per consentire la conclusione degli interventi programmati di manutenzione straordinaria e di riqualificazione delle strutture presenti. Oltre alla sostituzione e riparazione dei giochi ammalorati e alla pulizia generale dell’area, i lavori hanno previsto l’installazione di tre nuovi giochi: una doppia torre in legno, una struttura di arrampicata e un pannello sensoriale Tris, per una spesa complessiva di circa 7 mila euro. All’ingresso, come nelle altre aree gioco del territorio comunale, è disponibile un dispenser di gel igienizzante. “Un significativo intervento di rinnovo per il parco giochi storico della città. Siamo sicuri che verrà molto apprezzato dai bambini e dalle loro famiglie” dichiara l’Assessore all’Ambiente e Sostenibilità Stefano Portovenero.

All’interno dell’area giochi sono state inoltre posizionate due “bat-box”, delle casette in legno rifugio per pipistrelli, mammiferi molto utili per l’ecosistema e in particolare per la lotta contro la zanzara tigre: è stimato infatti che ogni pipistrello sia in grado di nutrirsi fino a quasi un migliaio di zanzare per notte. Si tratta delle prime due di dieci bat-box realizzate e donate al Comune da un privato cittadino appassionato di bricolage, che verranno posizionate nei parchi cittadini al fine di contribuire in modo naturale alla lotta contro la diffusione del fastidioso insetto. “I trattamenti larvicidi che stiamo effettuando mensilmente nelle caditoie stradali, insieme alla campagna di sensibilizzazione attivata, stanno avendo effetto visto che si registra una netta diminuzione della presenza di zanzare su area pubblica rispetto agli scorsi anni” continua l’Assessore “L’installazione delle “bat-box” è un metodo del tutto ecologico che aiuterà a ridurre il problema, educando inoltre i più piccoli ad avere rispetto per questi animali notturni del tutto innocui e anzi strategici per l’ambiente”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Chiuro in lutto, il covid si è preso don Attilio Bianchi

Attualità

Bambini, apre a Sondrio il negozio di giocattoli "Città del sole"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento