Tempesta Vaia, dalla Regione una pioggia di soldi per la Provincia di Sondrio

Massimo Sertori: «La riapertura di tutti i cantieri darà una sferzata al sistema economico della provincia di Sondrio dopo il periodo di blocco delle attività imposto dalle misure di contenimento del Covid19»

Ammonta complessivamente a circa 28,5 milioni di euro il Piano di interventi predisposto da Regione Lombardia, in base alle segnalazioni giunte da Comuni ed enti locali, e approvato dal Dipartimento della Protezione Civile per complessivi 131 interventi nei comuni colpiti dagli eccezionali avvenimenti atmosferici avvenuti tra il 29 e il 30 ottobre del 2018 (la cosiddetta tempesta Vaia). 

Le opere finanziate riguardano 84 Comuni tra le province di Bergamo, Brescia, Como, Lecco, Pavia Sondrio e Varese. Il finanziamento rientra in un Piano triennale 2019-2021 stilato ad hoc per la Vaia, di cui questa è la seconda tranche. Nel 2019 erano stati infatti finanziati interventi per un totale di 36 milioni di euro.

«Abbiamo immediatamente attivato gli Enti attuatori degli interventi (Comuni, Comunità Montane, Province e Consorzi di Bonifica) - ha spiegato l'assessore regionale al Territorio e Protezione civile, Pietro Foroni - affinché possano avviare le attività di realizzazione dei nuovi interventi o di rendicontazione e recupero del finanziamento per quelli già realizzati a proprie spese. Il tutto in attesa di approvare altri interventi, che mancavano di documentazione essenziale, per ulteriori 3 milioni di euro».

Si tratta di finanziamenti in investimento per complessivi 81 interventi di riduzione del rischio (in 57 Comuni per circa 28 milioni di euro) e complessivi 50 interventi per lavori di somma urgenza (in 27 Comuni per poco più di 700mila euro). 
«Nonostante l'emergenza che stiamo vivendo da ormai due mesi - ha aggiunto - Regione Lombardia non si dimentica dei danni inflitti alla popolazione di territori già martoriati negli anni passati da eventi calamitosi straordinari».

Di seguito in dettaglio l'elenco dei finanziamenti in Provincia di Sondrio

- Berbenno Di Valtellina 30.000; Cedrasco 55.000; Gerola Alta (2 interventi) 410.000; Ponte In Valtellina (2 interventi) 480.000; Sondrio 200.000; Teglio (2 interventi) 400.000; Montagna in Valtellina (2 interventi) 470.000; Albosaggia 300.000; Colorina 300.000; Morbegno 300.000; Tresivio 325.000; Bormio 1.000.000; Valdisotto (3 interventi) 1.080.494,33; Valfurva (3 interventi) 9.600.000 euro.

Sertori: «La riapertura di tutti i cantieri darà una sferzata al sistema economico della provincia di Sondrio»

«Da oggi - ha commentato l'assessore regionale a Enti locali, Montagna e Piccoli Comuni Massimo Sertori - in Lombardia potranno ripartire i cantieri avviati nel 2019 per il ripristino dei danni causati da un evento calamitoso come la tempesta Vaia, che sbloccheranno oltre 15 milioni di euro di investimenti sul territorio».

«La riapertura di tutti i cantieri e il riavvio anche delle aziende che vi lavorano e dei fornitori - ha aggiunto - darà una sferzata al sistema economico della Lombardia e della provincia di Sondrio, che hanno l'assoluta necessità di ripartire dopo il periodo di blocco delle attività imposto dalle misure di contenimento del Covid19».

«In questo momento di grande difficoltà, l'ottima collaborazione istituzionale instaurata tra gli Enti attuatori degli interventi - ha concluso - consente di mettere in campo risorse fondamentali per tante imprese e per rendere di nuovo fruibili le nostre montagne».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ponte in lutto per la morte della giovane Teresa

  • Coronavirus, la Lombardia verso l'entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Talamona, padre e figlio in scooter non si fermano all'alt dei carabinieri: inseguiti e denunciati

  • Sci, verso la chiusura degli impianti di risalita per le vacanze: si attende la conferma del Dpcm

  • Coronavirus, Dpcm e regole per Natale 2020: niente sci in Lombardia e niente cenoni

  • Nuova Olonio, sradicano il bancomat nella notte: ladri in fuga

Torna su
SondrioToday è in caricamento