menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sondrio, riprendono i lavori di manutenzione delle aree verdi ma rimane il divieto di accesso

«Ci stiamo preparando a quello che verrà cominciando dal verde pubblico – sottolinea l’assessore ai Lavori pubblici Andrea Massera - la natura ha ritmi che non si fermano e in questo periodo è necessario intervenire».

I parchi e le aree verdi della città non si possono ancora vivere e rimangono chiusi ma a primavera inoltrata necessitano di cura e manutenzione sia per mantenere decoro e ordine nel presente sia per garantirne lo splendore in vista della futura riapertura. Per iniziativa dell’Amministrazione comunale, domani avranno inizio gli interventi a suo tempo programmati e ora consentiti dal decreto del presidente del Consiglio dei ministri del 10 aprile.

«Ci stiamo preparando a quello che verrà cominciando dal verde pubblico – sottolinea l’assessore ai Lavori pubblici Andrea Massera -, la natura ha ritmi che non si fermano e in questo periodo è necessario intervenire. Lo abbiamo fatto non appena ci è stato permesso, coinvolgendo le imprese, le cooperative agricole e sociali che lavorano con noi, tutte locali, per favorire la ripartenza di un tessuto economico che l’emergenza sanitaria sta mettendo a dura prova. Prima viene la salute e invitiamo i cittadini a rispettare le regole e a rimanere a casa, ma quando si potrà tornare alla vita di sempre ritroveremo le aree verdi ben curate».

Parchi e aree verdi rimangono chiusi e le imprese che inizieranno a lavorare da domani adotteranno tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza degli operatori e della collettività. Oltre al decoro della città e al rilancio dell’economia, gli interventi di manutenzione serviranno da un lato a limitare la crescita delle erbe infestanti dall’altro a contenere i problemi delle persone che soffrono di allergie primaverili. Un altro aspetto importante è legato alla sicurezza, poiché servono con urgenza interventi di potatura per i rami pericolanti e per gli arbusti e le piante che limitano il campo visivo di pedoni e automobilisti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento