rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
La presentazione / Sondalo

Sondalo: i quattro progetti per dare un nuovo volto al paese

Sono stati presentati ieri nella sala conferenze del polo "Vallesana"

Presso la sala conferenze del Polo “Vallesana” di Sondalo - APF Valtellina, sono stati presentati quattro importanti progetti strategici che sono stati portati avanti dall’amministrazione comunale di Sondalo, in questi anni di mandato. La scelta della sede per l’incontro non è causale, vista la collaborazione e le iniziative intraprese con il Polo di Formazione che andrà ad ospitare anche la Facoltà di Scienze Motorie degli Spot di Montagna dell’Università Statale di Milano, in iter di definizione presso il Ministero. Alla presenza del sindaco Ilaria Peraldini, della giunta e di alcuni consiglieri e con la partecipazione dei progettisti e ospiti, sono stati esposti 4 principali interventi di riqualificazione e restyling che segneranno una nuova strada per Sondalo.

  • Il primo punto illustrato riguarda la bozza di atto tra la Diocesi di Como e il Comune di Sondalo per la cessione, a titolo gratuito, degli spazi inutilizzati e incompiuti del “chiesone” in centro paese, al fine di procedere poi a una riqualificazione definitiva del complesso parrocchiale (cattedrale ed ex casa parrocchiale). Una trattativa portata avanti, da inizio mandato, con la Diocesi, che si è resa da subito disponibile a superare una situazione che perdurava da 25 anni e ad intavolare tutte le discussioni, per affrontare la complessa questione. Volontà e collaborazione sottolineata anche da Don Andrea Salandi, Vicario Episcopale per la Valtellina, presente alla conferenza, che ha ringraziato l’amministrazione e ha apprezzato il dialogo costruttivo avvenuto in questi anni. Il sindaco ha sottolineato che, d’accordo con la Diocesi, la firma ufficiale degli atti non verrà apposta fino alla prossima tornata elettorale di giugno, per una questione di correttezza, essendo a fine mandato, sottolineando altresì che l’opera di riqualificazione è stata ritenuta strategica dal Comprensorio dell’Alta Valtellina e pertanto si è profilato un canale di finanziamento dedicato.
  • Il secondo intervento presentato, che si collega strategicamente con quello precedente, riguarda la decisione di affidare un importante incarico di progettazione a uno studio di professionisti, per riqualificare il centro storico e, in particolare, lo stabile (disabitato) di Piazza della Repubblica. L’amministrazione ha deciso, da subito, di attivare tutti i canali possibili per ottenere finanziamenti e risorse da destinare al centro storico (partecipando al bando nazionale PNRR dei borghi storici che è rientrato tra gli interventi ammessi ma non ancora finanziati e al Bando Casa Italia ancora in attesa di esito). Per avere buone possibilità di finanziamento, anche per futuri bandi, è importante avere un progetto definitivo-esecutivo a disposizione che la giunta ha deciso di affidare allo studio associato dei progettisti Arch. Fulvio Santarossa e Arch. Nadia Andreis, presenti alla conferenza, che hanno sviluppato un progetto di riqualificazione conservativo dello stabile, che prevede, in sintesi, spazi per attività commerciali e associazioni al piano terra, appartamenti (vista la richiesta sempre crescente) al primo e secondo piano, e uno spazio conferenze/incontri all’ultimo piano. Tutto ciò consentirebbe di riappropriarsi della Piazza quale luogo fisico, ma anche simbolico con tutte le funzioni e le potenzialità che ne conseguirebbero.
  • Il terzo progetto presentato, già interamente finanziato (800.000 euro) con Fondi AQST (Accordo quadro sviluppo territoriale) e prossimo alla realizzazione, riguarda la riqualificazione completa del Camping Pradella. A presentare il lavoro erano presenti i progettisti Arch. Emanuele Di Tondo e Arch. Corinna Sensoli che hanno illustrato l’intervento di completo restyling, portato avanti in questi anni di pari passo con l’Amministrazione e gli uffici, che andrà a ridefinire e potenziare la struttura ricettiva, immersa in un’area verde di pregio, mantenendone i punti di forza e sviluppando soluzioni innovative, ecologiche e al passo con i tempi: mini tende, casette “bungalow” affacciate sul laghetto, illuminazione, controllo degli accessi, fondo drenante, bike room, accessi automatizzati per l’area ecologica e per ottimizzarne la fruizione. Tutti elementi che renderanno il campeggio fruibile tutto l’anno e una gestione più moderna. I lavori inizieranno a fine estate/inizio autunno.

Il progetto relativo al camping Pradella

  • L’ultimo progetto illustrato è quello della realizzazione della nuova strada “La Pezza-Alpeggio Carnen” (ad oggi esiste solo un sentiero pedonale) unito alla realizzazione di un nuovo tracciato, più sicuro e funzionale, della strada sottostante “Fumero-La Pezza”. Gli interventi sono stati condivisi prima, con una serie di incontri, con i proprietari delle baite e dei fondi, che hanno dato il loro supporto ai progettisti e al Comune. L’intervento, presentato dall’Arch. Michele Besseghini e sviluppato delle Studio Rezia+, ammonta a 520.000 euro circa (di cui 280.000 ottenuti da un finanziamento del Parco Stelvio Lombardia e la rimanente parte con fondi propri di bilancio). I lavori, dopo la fase di aggiudicazione, prenderanno il via questo autunno.

La nuova strada renderà più facili i collegamenti anche con le frazioni

“Era di fondamentale importanza per noi presentare questi progetti - hanno concluso il sindaco Peraldini e la sua giunta -. Spesso i cittadini hanno difficoltà a credere ai progetti finché non vedono l’opera realizzata, ma con costanza ed impegno si ottengono anche i risultati tangibili”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sondalo: i quattro progetti per dare un nuovo volto al paese

SondrioToday è in caricamento