menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Soccorso alpino più celere ed efficace con l'accordo tra CNSAS e Regione

La convenzione tra Protezione civile e Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico durerà 3 anni

Rendere piu' tempestivi ed efficaci gli interventi di soccorso (sanitario e non sanitario), recupero e trasporto, in ambiente impervio (montano, ipogeo o comunque ostile), in caso di calamita' naturali, nel territorio regionale, tramite una stretta collaborazione tra la Regione Lombardia e il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (Cnsas) lombardo.
Inoltre, uniformare i sistemi cartografici e integrare i sistemi di comunicazioni radio.  

E' l'obiettivo della nuova convenzione triennale tra Regione Lombardia e Cnsas lombardo, approvata oggi dalla Giunta regionale su proposta dell'assessore al Territorio e Protezione civile Pietro Foroni, che prevede uno stanziamento di 150.000 euro per il triennio 2019-2021. 

«Questa convenzione - ha spiegato Foroni - e' di particolare importanza, perche' mette in sinergia due realta' fondamentali per la tutela e la sicurezza delle nostre popolazioni, creando le condizioni, perche' il Soccorso Alpino lombardo possa supportare nella maniera piu' incisiva il sistema lombardo di Protezione civile, avvalendosi, tra l'altro, degli elicotteri di Regione Lombardia e mettendo a sua volta in campo le specifiche professionalita' e competenze di cui e' ricco, non ultimo l'ampio bacino di volontari». 

La convenzione, che avra' una durata di tre anni, prevede la collaborazione del Cnsas per gli interventi di soccorso in ambienti impervi e ostili compresi nel territorio regionale o, quando richiesto e necessario, in quello di regioni confinanti, sulla base di opportuni protocolli operativi concordati con le strutture competenti e in appoggio agli equipaggi sanitari. Lo stanziamento di 150.000 euro da parte di Regione Lombardia servira' per le eventuali spese legate all'utilizzo da parte di Cnsas di servizi elicotteristici non regionali nello svolgimento delle sue attivita' (per un contributo totale non oltre i 25.000 euro per il 2019 e non oltre i 50.000 euro annui per il 2020 e il 2021). Per il potenziamento del sistema di radiocomunicazione Cnsas, Regione mette invece a disposizione un contributo fino a 25.000 euro, che dovra' essere utilizzato entro il 2019.

«Nel corso degli anni la sinergia e l'integrazione tra il sistema di Protezione civile regionale e il Soccorso Alpino si e' progressivamente rafforzata, fino alla situazione attuale - ha aggiunto Foroni -. Inoltre, grazie alle risorse che mettiamo a disposizione, il Soccorso Alpino potra' implementare la sua attivita' di formazione e di allenamento dei tanti volontari che lo compongono, potra' rinnovare la dotazione di mezzi e attrezzature particolari, necessarie per questo tipo di interventi».

Il Cnsas si articola, sul territorio lombardo, in 5 delegazioni, di cui 4 alpine (V Bresciana, VI Orobica, VII Valtellinese, XIX Lariana) e 1 speleologica (IX), a loro volta suddivise in 'Stazioni', per complessive 31 stazioni alpine e 1 stazione speleologica.  In caso di necessita', il Cnsas lombardo puo' tuttavia avvalersi anche del personale e delle attrezzature di altri Servizi regionali, che, sul territorio nazionale, contano ulteriori 26 delegazioni alpine (con 211 'Stazioni') e 15 delegazioni speleologiche (con 26 'Stazioni').

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento