Attualità

Inquinamento alle stelle in provincia di Sondrio per colpa della sabbia del Sahara

Cielo offuscato e smog, le concentrazioni di Pm10 sono molto superiori ai limiti in tutte le stazioni territoriali

Aria inquinata in provincia di Sondrio per colpa della sabbia del Sahara. È oramai da qualche giorno che, seppur il sole splenda incessante, permettendo alle temperature a terra di raggiungere misure decisamente primaverili, nell'aria è ben visibile un importante offuscamento. Un fenomeno anomalo che, oltre a limitare la visuale, ha portato le concentrazioni di Pm10 in Valtellina ad un livello molto alto.

Nella stazione posta nel territorio comunale di Sondrio si sono raggiunti i 119 µg/m³  mentre in quella di Bormio i 95 µg/m³. Numeri decisamente alti, se si considera che la soglia minima di allerta è di 50  µg/m³, confermati anche dalla stazione montana di Moggio (Lecco), posta a più di 1.000 m di altitudine, dove è stato registrato un valore di 65 µg/m³.

In tutta la Lombardia, globalmente, le concentrazioni di Pm10 sono molto superiori ai limiti in tutte le stazioni territoriali. Con la giornata di ieri, giovedì 25 febbraio 2021, è stato raggiunto infatti l'ottavo giorno di superamento consecutivo nelle province di Bergamo, Brescia, Lodi e Cremona e il settimo giorno a Como, Lecco, Milano, Monza Brianza, Pavia e Varese.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inquinamento alle stelle in provincia di Sondrio per colpa della sabbia del Sahara

SondrioToday è in caricamento