SS 36: il Monte Piazzo non dà garanzie, bisognerà intervenire

L'assessore regionale Massimo Sertori in vista delle Olimpiadi invernali: «Potrebbero essere necessarie nuove opere: per questo chiediamo ad Anas  di completare la bretellina di Dervio e lo svincolo di Piona per offrire un collegamento più sicuro e stabile verso la Valtellina»

La galleria nord del Monte Piazzo

La "Strada Statale 36 del Lago di Como e dello Spluga" riveste un ruolo fondamentale per la Provincia di Sondrio, non lo scopriamo certo oggi. È la porta principale di Valtellina e Valchiavenna, è il collegamento più veloce con il resto della Lombardia e dell'Italia. È un percorso fragile, soggetto, spesso e volentieri, a problemi strutturali o guai ambientali.

Ne è dimostrazione lo smottamento che qualche settimana fa, all'altezza del comune di Lierna, ha provocato dapprima la chiusura totale al traffico veicolare e, successivamente, l'istituzione di 10 chilometri di marcia a doppio senso sulla corsia sud (a fine mese si aprirà anche la nord).

È per questo che, anche in previsione dell'eventuale assegnazione delle Olimpiadi invernali 2026 a Milano e Cortina, Regione Lombardia considera la messa in sicurezza della SS 36 un intervento prioritario.

Si è iniziato con la messa a dimora di altre reti, capaci di trattenere il triplo dei sassi rispetto a quelle attuali, sui pendii interessati dagli ultimi smottamenti, si continuerà con un intervento similare a ridosso della cittadina di Lecco, sempre nei paraggi della Super Strada. «Con questi due interventi, uno sulla frana e l’altro verso Lecco, finanziati con un investimento di 2 milioni di euro, il problema messa in sicurezza sarà risolto» ha spiegato Massimo Sertori, assessore alla Montagna di Regione Lombardia.

La vera preoccupazione, il Monte Piazzo

È il Monte Piazzo, attraversato da entrambe le direzione della SS 36, a destare le reali preoccupazioni di Regione Lombardia. Anche in questo caso il problema è annoso e ben conosciuto. Si era già intervenuti qualche anno fa senza però risolvere, in maniera definitiva, il problema che vede i trafori "sprofondare" lentamente verso il lago. 

Sarà quindi necessario intervenire nuovamente, con il conseguente dirottamento del traffico sulla Strada Provinciale 72. «Potrebbero essere necessarie nuove opere tra qualche anno: quindi chiediamo ad Anas  di completare la bretellina di Dervio (con costi di circa 20 milioni) e lo svincolo di Piona (costi stimati 5 milioni): se realizzati, offrirebbero un collegamento più sicuro e stabile verso la Valtellina» ha aggiunto Sertori, ipotizzando la chiusura della Super.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal primo luglio aumenti in busta paga: quanti euro in più e a chi spettano? La tabella

  • Perde la vita cadendo per 150 metri, il padre raggiunge il corpo e lo veglia tutta la notte

  • Tirano piange il suo giovane campione di poker Matteo Mutti

  • Livigno, nasce una sfida per superare i propri limiti

  • Tragedia in Valsassina, padre uccide i due figli 12enni e si toglie la vita

  • Coronavirus, settimana negativa al Morelli di Sondalo

Torna su
SondrioToday è in caricamento