menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sanità, in Alta Valle oramai è scontro tra comitato pro-Morelli e sindaci

Il coordinatore del comitato scientifico, Giuliano Pradella: «Dubito che i sindaci siano in grado, senza una componente tecnica adeguata, di portare avanti trattative così complesse come quella con la Regione. Hanno una nuova collaborazione tecnica dopo l’esclusione, di fatto, dei comitati scientifico e giuridico pro-Morelli? Lo dichiarino!»

Pare sempre più evidente come il fronte del Bormiese contro l'attuazione del piano di riorganizzazione della sanità in provincia di Sondrio sia sempre più frammentato e in disaccordo. A dimostrarlo una lettera scritta dal coordinatore del comitato scientifico del “Comitato a difesa della sanità di montagna - Io sto con il Morelli”, il dottor Giuliano Pradella, in seguito alla richiesta dei sindaci dell'Alta Valle (leggi qui), rivolta a Regione Lombardia, di confermare la sospensione del piano, redatto dal Politecnico di Milano, per il miglioramento della rete ospedaliera di Valtellina e Valchiavenna.

Una lettera tanto diretta quanto dura, capace di sottolineare gli errori commessi dai sindaci del mandamento di Bormio, da sempre alleati al comitato pro-Morelli, nelle ultime settimane. Non è la prima volta che le crepe tra primi cittadini e comitato si palesano. Già il 14 ottobre scorso Giuliano Pradella ed Ezio Trabucchi avevano richiamato l'attenzione, mettendo al centro, soprattutto, la questione personale (leggi qui). Ora un nuovo sfogo di carattere "tecnico".  Ecco di seguito le parole di Giuliano Pradella.

«La recente lettera dei Sindaci dell’Alta Valle alla Regione Lombardia, in merito all’Ospedale “Morelli”, ha un contenuto per nulla chiaro. Si continua a non capire il significato del “ripristino per sei mesi delle alte specialità al Morelli”. Non si riesce a capire inoltre cosa sia il Centro Trauma di Zona. Va chiarito altresì in cosa consista la “ratifica della proposta” senza aver approfondito nelle sedi opportune, cioè quelle tecniche, gli elementi di fattibilità, presentandosi l’operazione piuttosto complessa. 

Altro argomento accennato non differibile consiste nella “valutazione di forme gestionali alternative”, la cui definizione è urgente ed ha come presupposto la disponibilità della Regione Lombardia ad autorizzare un nuovo assetto. Opportuna, anche se tardiva, l’insistenza nell’utilizzo del VI° padiglione, che deve tuttavia avvenire con un allestimento integrale e non con una semplice espansione dell’attuale attività in modo da liberare il Presidio generale. 

Tale proposta era già contenuta nel documento “Ricostituzione del presidio per acuti con dipartimento di emergenza/urgenza e alte specialità chirurgiche e riabilitative” del maggio scorso, elaborato dal sottoscritto e dal Gruppo medico scientifico del Comitato. Tale documento costituisce una base inderogabile, non essendo praticabili soluzioni alternative o intermedie, in quanto contiene non solo tutti gli elementi fondamentali della ricostituzione con le adeguate motivazioni ma anche le esigenze dettagliate relative alle singole unità operative nonchè all’organizzazione dipartimentale. 

Su tale documento i Sindaci dell’Alta Valle dovrebbero riflettere prima di accettare soluzioni non sostenibili. Il reintegro delle tre alte specialità al “Morelli” (neurochirurgia, chirurgia toracica e vascolare) non è più sufficiente per la tenuta del Presidio ospedaliero di Sondalo, in quanto il depotenziamento, che continua ogni giorno, è andato ben oltre in questi mesi. Si verifica infatti un continuo rimaneggiamento delle attività fra l’ospedale di Sondrio ed il “Morelli”, costantemente a danno di quest’ultimo. Pertanto solo una approfondita valutazione tecnica permette di definire la ricostituzione. 

Ho seri dubbi che i Sindaci siano in grado, senza una componente tecnica adeguata, di portare avanti trattative così complesse, specie considerando che dietro la controparte politica stanno tecnici regionali e locali ostinati sui loro propositi. I Sindaci dell’Alta Valle fruiscono di una nuova collaborazione tecnica dopo l’esclusione, di fatto, dei Comitati scientifico e giuridico “pro Morelli” ?  Lo dichiarino!

Dopo tutto, la questione è pubblica ed esige trasparenza. Comitati che (credo peraltro) abbiano lavorato molto e con grande competenza in questi mesi. Ho l’impressione che questa lettera abbia solo il significato e la finalità di una vaga rassicurazione perché di quelle che vengono definite “fitte interlocuzioni intraprese” non vi è alcuna traccia.

Sulla stampa locale si è letto un commento riguardante la lettera dei Sindaci dell’Alta Valle. La Sindaca di Sondalo, Ilaria Peraldini, definisce l’ipotesi di trasferimento delle tre alte specialità e l’apertura del semestre per il confronto con la Regione Lombardia “proposte ragionevoli, sempre meglio di vedere attuato il Piano del Politecnico. E questo non è un accordo al ribasso ”. Tale affermazione è in netta controtendenza rispetto alla linea tenuta, fino a poche settimane fa, dai Sindaci e dal “Comitato pro Morelli” sulla base del sopraccitato documento e che hanno portato gli stessi Sindaci dell’Alta Valle a disertare i vari tavoli provinciali, nei quali si spingeva appunto verso un compromesso a danno del “Morelli”. Spiace che il lavoro di quasi un anno venga sconfessato. 

Il “Morelli” deve essere reintegrato nella sua totalità: “o è tutto o è niente”, come ha sempre sostenuto l’avv. Trabucchi, il quale, sin dal giugno scorso (e tra i primi), ha denunciato pubblicamente, e con forza, il disegno di Regione Lombardia di approfittare della situazione Covid per smantellare definitivamente il “Morelli”.  Insomma, per il “Morelli” ogni formula intermedia si rivelerà fallimentare: è e sarà impensabile infatti mantenere attività specialistiche per acuti e riabilitative in un Presidio con le caratteristiche di un ospedale di zona».

Giuliano Pradella 

Il commento di Ezio Trabucchi

«Come al solito è un’analisi molto lucida quella del dott. Giuliano Pradella, il quale, ancora una volta, evidenzia come l’ospedale Morelli deve tornare ad essere integralmente il Presidio conosciuto prima della pandemia. Da alcune settimane, il dott. Pradella sta avvertendo che la nuova strada intrapresa dai Sindaci dell’Alta Valle non va nella direzione giusta, quella cioè auspicata e sostenuta tecnicamente nei documenti del “Comitato scientifico del Morelli” e fatta propria sin dall’inizio dagli stessi Sindaci. Il suo è un grido d’allarme, che condivido pienamente, in quanto, dopo l’emergenza Covid, il “Morelli” è destinato ad essere un ospedalino di zona, del tutto inadeguato rispetto alle esigenze della popolazione locale e di un territorio delicato e complesso, peraltro con una forte vocazione turistica. Si rischia concretamente un definitivo e gravissimo ridimensionamento di tutta l’offerta della nostra sanità di montagna. Anche per l’ospedale di Sondrio il futuro sarà tutt’altro che roseo» ha commentato il fauotre del pool giuridico pro-Morelli, l'avvocato  Ezio Trabucchi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Chiuro in lutto, il covid si è preso don Attilio Bianchi

Attualità

Bambini, apre a Sondrio il negozio di giocattoli "Città del sole"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento