menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sanità i sindaci della Valchiavenna uniti per il loro ospedale

I primi cittadini valchiavennaschi: «Ribadiamo la richiesta e la necessità di un deciso percorso di miglioramento e potenziamento dell'offerta di servizi sanitari ai nostri cittadini con interventi mirati nel presidio ospedaliero di Chiavenna»

Nel dibattito di riorganizzazione della sanità provinciale è il turno della Valchiavenna. Con una lettera unitaria i sindaci della valle del Mera rivendicano la posizione del loro ospedale di valle. «Facendo seguito alla richiesta dei sindaci dell’Alta Valtellina, i sindaci della Valchiavenna, a seguito di specifico incontro mandamentale, ribadiscono la richiesta e la necessità di un deciso percorso di miglioramento e potenziamento dell'offerta di servizi sanitari ai nostri cittadini. In particolare, con forza, si conferma quanto richiesto per il presidio ospedaliero di Chiavenna già condiviso negli ultimi mesi e che ora, deve trovare concreta attuazione» hanno scritto i primi cittadini.

«La situazione attuale, raccolte anche le segnalazioni da parte degli utenti, evidenzia sul presidio di Sondrio una situazione di difficoltà ad accogliere le richieste del territorio. Alla luce di tale evidenza e anche delle proposte condivisibili di interventi ipotizzati nelle ultime settimane in merito all'attuale presidio o alla soluzione di un nuovo presidio ospedaliero appare indispensabile una azione efficace, incisiva e coordinata. In tal senso il presidio ospedaliero di Chiavenna, nell'ambito dell’auspicato potenziamento previsto da delibera regionale, potrebbe rappresentare un supporto in termini di alleggerimento del carico su altri ospedali. Auspichiamo per questo una immediata attivazione di un percorso di confronto che veda impegnati i sindaci di tutti i territori nell'ambito delle sedi istituzionali già individuate. L’obiettivo, come già dichiarato nei mesi scorsi, è quello di garantire risposte adeguate ai bisogni sanitari dei cittadini e la valorizzazione massima di ogni presidio ospedaliero» hanno concluso i sindaci della Valchiavenna.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, cosa riapre dal 26 aprile e cos'è la zona gialla rinforzata

Coronavirus

Covid, la Lombardia spera di tornare gialla: cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento