Gli organici

Sanità, in Lombardia 3000 dipendenti in più negli ultimi due anni

I numeri, però, si scontrano con le criticità con cui i cittadini della provincia di Sondrio devono fare i conti quotidianamente

 In Regione Lombardia, nell'ultimo biennio, è cresciuto di 3.064 unità il numero di dipendenti delle Ats, Asst, Ircss e Areu  Un aumento del 3% che ha portato nel dicembre 2021 il numero complessivo di dipendenti dai 100.957 del 2019 a 104.021.

L'aumento di organico ha privilegiato l'assunzione di medici (+1%), infermieri (+4%) e OSS (+9%). Rafforzato anche il settore della vigilanza ispezione (+3%) che si occupa anche dei controlli per il rispetto della sicurezza sui luoghi di lavoro. Sono inoltre aumentati gli assistenti sociali, passati da 897 a 915 (+2%).

Le criticità

Numeri, però, che si scontrano con le criticità quotidiane di un servizio sanitario che, specie in una zona montana come la provincia di Sondrio, non riesce sempre a intercettare le esigenze e i bisogni dei cittadini. Basti pensare alle varie questioni aperte sull'ospedale Morelli di Sondalo o ancora (anche se questi ambiti non rientrano negli enti per i quali è stato registrato l'aumento di dipendenti evidenziato da Regione Lombardia), le carenze relative al personale in servizio nelle Case di riposo, con il rischio di chiusura di interi nuclei, o la mancanza di medici di base e pediatri in molte località di Valtellina e Valchiavenna.

Organici rafforzati

"Il rafforzamento degli organici e la loro stabilizzazione - ha commentato la vicepresidente e assessore al Welfare, Letizia Moratti - sono una priorità di Regione Lombardia e dimostrano l'impegno per rendere la sanità lombarda ancor più efficiente e capace di rispondere alle esigenze crescenti di salute da parte dei cittadini. Accanto agli importanti investimenti per il rinnovo delle strutture ospedaliere e per aprirne di nuove, per ridurre i consumi energetici e l'impatto ambientale, per rafforzare la medicina territoriale, per acquisire strumentazione tecnologica per la diagnosi e per la telemedicina, la valorizzazione del capitale umano e l'ingresso di nuove professionalità sono il motore di tutto il sistema sanitario".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, in Lombardia 3000 dipendenti in più negli ultimi due anni
SondrioToday è in caricamento