rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024

Una sala in ricordo del "guerriero gentile" Sandro Sozzani

L'intitolazione presso palazzo Muzio, sede della Provincia. Il video della cerimonia

Sono passati 7 anni dalla morte di Sandro Sozzani, eppure il suo ricordo resta vivido. Le battaglie condotte per proteggere il territorio e le sue acque non sono state dimenticate ed hanno "fatto scuola". È anche per questo che a lui, nella mattinata di sabato 27 aprile 2024, è stata intitola una sala di palazzo Muzio, sede di quella Provincia che per diversi anni lo ha visto battersi con diversi ruoli. 

L'intitolazione a Sandro Sozzani di una sala a palazzo Muzio - 2

In una cerimonia quanto mai sentita, alla presenza di numerosi amici e compagni, stretti al fianco della moglie Matilde e del figlio Paolo, il disvelamento della targa posta all'ingresso della sala al secondo piano. "A Sandro Sozzani, amministratore e politico valtellinese. Tra i fondatori dell'Intergruppo acque della provincia di Sondrio (IAPS). Guerriero gentile", recita da targa in memoria dei suoi modi gentili e decisi, orientati sempre al bene comune.

Numerose e commosse le testimonianze di affetto e ricordo nei confronti di Sandro Sozzani, sindaco di Sondalo per 15 anni, dal 1980 al 1995, consigliere e assessore provinciale per diversi mandati, nonchè consigliere comunale a Sondrio, oltre che coordinatore dello Iaps. A prendere la parola, oltre ai "padroni di casa" Davide Menegola (presidente della Provincia) e Massimo Sertori (assessore regionale alla Montagna ed ex numero 1 di palazzo Muzio), numerosi amici, tra cui Paolo Baldaccini, assessore sondalino nella Giunta Sozzani, Piero Carnini, storico dirigente del Pci, Franco Spada, sindaco di Tirano ed ex consigliere provinciale, e Claudio Proto dello Iaps. Toccante il ricordo, a nome di tutti i nipoti, di Adriana Sozzani.   

sandro sozzani-2

Video popolari

Una sala in ricordo del "guerriero gentile" Sandro Sozzani

SondrioToday è in caricamento