Giovedì, 28 Ottobre 2021
Attualità

Idroelettrico, rigettato il ricorso di A2A sugli impianti di Grosio: in arrivo sul territorio 3 milioni di euro

La soddisfazione di Sertori dopo il pronunciamento del Tribunale Superiore delle Acque Pubbliche: «Notizia importante in quanto in base alla speciale normativa prevista per la Provincia di Sondrio tali risorse economiche, una volta introitate saranno attribuite totalmente al territorio provinciale»

La recente sentenza del Tribunale Superiore delle Acque Pubbliche (TSAP) dà ragione a Regione Lombardia, rigettando il ricorso di A2A contro gli atti regionali che disciplinano la prosecuzione dell'esercizio della grande derivazione idroelettrica della centrale di Grosio.

La sentenza si aggiunge a quella, sempre del TSAP, dell'estate 2020, riferita agli altri impianti A2A dell'Alta Valle (Lovero/Stazzona/Grosotto) e alla sentenza della Corte di Cassazione (e quindi definitiva) sul destino dell'impianto di Premadio I, tutte favorevoli a Regione Lombardia.

Anche in questo caso le motivazioni di A2A sono state respinte, in più il TSAP ha confermato che i canoni demaniali che l'ex concessionario aveva continuato a pagare auto-riducendosi l'importo, sono dovuti per intero dal giorno della scadenza della concessione avvenuta nel 2016. Si tratta, per il solo impianto di 'Grosio', di oltre 3 milioni di euro che l'operatore ora dovrà versare.

I commenti

«È una notizia importante - commenta l'assessore regionale a Enti locali, Montagna e Piccoli Comuni, Massimo Sertori - in quanto in base alla speciale normativa prevista per la Provincia di Sondrio tali risorse economiche, una volta introitate saranno attribuite totalmente al territorio provinciale».

«Nella vicenda - conclude Sertori - resta ancora aperta al TSAP la questione del canone aggiuntivo che riguarda tutti gli operatori e che nel caso il tribunale confermasse la bontà degli atti regionali, comporterebbe 'arretrati' da versare alla Regione di oltre 50 milioni di euro la cui quota parte della provincia di Sondrio, in forza alla legge regionale vigente, sarebbe interamente trasferita al territorio».

«Ringrazio - dichiara il sindaco di Grosio, Gian Antonio Pini - la Regione Lombardia, e in particolar modo l'assessore Massimo Sertori, per l'impegno profuso. Questa è la prima casella di un importante percorso che l'assessore Sertori si è caricato sulle spalle. E sono sicuro che questo impegno farà accelerare anche il processo di messa in gara delle concessioni che consentirà ai territori di usufruire di risorse economiche aggiuntive».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Idroelettrico, rigettato il ricorso di A2A sugli impianti di Grosio: in arrivo sul territorio 3 milioni di euro

SondrioToday è in caricamento