menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Chiavenna, a breve l'accensione dell'autovelox di via Volta

L'apparecchio era stato danneggiato nello scorso mese di ottobre

Verrà riattivato nei prossimi giorni, dal 1 febbraio 2020, il sistema di controllo della velocità posizionato in Via Volta oggetto di un vile e grave gesto di distruzione alla fine dello scorso mese di ottobre.

Il lavoro di queste settimane è stato quello di riparazione e sostituzione delle apparecchiature danneggiate,  proseguono serrate le indagini da parte dei competenti organi che hanno in essere attività di dettaglio su profili di responsabilità ben precise e puntuali.

Nel frattempo la zona, adiacente e allargata, è stata illuminata ed è attivo un sistema ad infrarossi di videosorveglianza. 

Oltre alla imponente segnaletica verticale con numerosi cartelli e a quella orizzontale con vistosissimi limiti di 50km/h è stata attivata una ulteriore segnalazione luminosa di attenzione.

«Tutto questo - ha spiegato il sindaco di Chiavenna Luca Della Bitta - per ribadire la volontà di rendere nota la presenza del sistema di rilevazione della velocità e del limite fissato a 50km/h che,  se superato,  (con i margini di tolleranza mai inferiori a 5km/h come previsto per legge) dà luogo alla sanzione». 

«L'obiettivo è chiaro e nuovamente rinnovato: la sicurezza e il fatto che in centro abitato si debba circolare a 50km/h secondo il limite previsto in quel tratto.In queste settimane molti cittadini, soprattutto abitanti in Via Volta e zona limitrofa, hanno commentato in diversi modi, diretti o attraverso altri canali, il fatto come sia radicalmente cambiata la sicurezza di residenti, pedoni, ciclisti, bambini delle scuole, anziani che vivono e si muovono in quella zona». 

«Resta - prosegue Della Bitta - pertanto l'obiettivo della sicurezza molto chiaro che non lascia spazio a strumentalizzazioni o posizioni di altre possibili soluzioni che la legge non prevede, confermato anche dai dati ufficiali registrati durante il periodo di funzionamento del'autovelox dove dalla prima settimana di funzionamento all'ultima, vi è stata una riduzione di quasi 5 volte il numero di infrazioni registrate».

«Obiettivo - conclude il primo cittadino della citta della Mera - di un semplice rispetto delle regole per uno scopo più grande, come accade ad esempio in maniera spontanea quando varchiamo il confine svizzero.La sicurezza prima di tutto, a partire dai nostri cittadini che abitano in quella zona ma non solo».

I

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Chiuro in lutto, il covid si è preso don Attilio Bianchi

Attualità

Bambini, apre a Sondrio il negozio di giocattoli "Città del sole"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento