Chiavenna, a breve l'accensione dell'autovelox di via Volta

L'apparecchio era stato danneggiato nello scorso mese di ottobre

Verrà riattivato nei prossimi giorni, dal 1 febbraio 2020, il sistema di controllo della velocità posizionato in Via Volta oggetto di un vile e grave gesto di distruzione alla fine dello scorso mese di ottobre.

Il lavoro di queste settimane è stato quello di riparazione e sostituzione delle apparecchiature danneggiate,  proseguono serrate le indagini da parte dei competenti organi che hanno in essere attività di dettaglio su profili di responsabilità ben precise e puntuali.

Nel frattempo la zona, adiacente e allargata, è stata illuminata ed è attivo un sistema ad infrarossi di videosorveglianza. 

Oltre alla imponente segnaletica verticale con numerosi cartelli e a quella orizzontale con vistosissimi limiti di 50km/h è stata attivata una ulteriore segnalazione luminosa di attenzione.

«Tutto questo - ha spiegato il sindaco di Chiavenna Luca Della Bitta - per ribadire la volontà di rendere nota la presenza del sistema di rilevazione della velocità e del limite fissato a 50km/h che,  se superato,  (con i margini di tolleranza mai inferiori a 5km/h come previsto per legge) dà luogo alla sanzione». 

«L'obiettivo è chiaro e nuovamente rinnovato: la sicurezza e il fatto che in centro abitato si debba circolare a 50km/h secondo il limite previsto in quel tratto.In queste settimane molti cittadini, soprattutto abitanti in Via Volta e zona limitrofa, hanno commentato in diversi modi, diretti o attraverso altri canali, il fatto come sia radicalmente cambiata la sicurezza di residenti, pedoni, ciclisti, bambini delle scuole, anziani che vivono e si muovono in quella zona». 

«Resta - prosegue Della Bitta - pertanto l'obiettivo della sicurezza molto chiaro che non lascia spazio a strumentalizzazioni o posizioni di altre possibili soluzioni che la legge non prevede, confermato anche dai dati ufficiali registrati durante il periodo di funzionamento del'autovelox dove dalla prima settimana di funzionamento all'ultima, vi è stata una riduzione di quasi 5 volte il numero di infrazioni registrate».

«Obiettivo - conclude il primo cittadino della citta della Mera - di un semplice rispetto delle regole per uno scopo più grande, come accade ad esempio in maniera spontanea quando varchiamo il confine svizzero.La sicurezza prima di tutto, a partire dai nostri cittadini che abitano in quella zona ma non solo».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morbegno piange Alberto Vinci, l'anima del Lokalino

  • Giro d'Italia, dopo la partenza da Morbegno i ciclisti protestano per pioggia e freddo: tappa accorciata

  • Coronavirus a scuola, tre nuove classi (con le insegnanti) in isolamento a Livigno

  • Il coprifuoco in Lombardia è ufficiale: firmata l'ordinanza, torna l'autocertificazione

  • Terremoto in Svizzera, scosse percepite anche in provincia di Sondrio

  • Livigno annuncia l'apertura della stagione invernale 2020-2021

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SondrioToday è in caricamento