menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'intervento al pacheggio del Gatto Rosso

L'intervento al pacheggio del Gatto Rosso

Val di Mello: ecco come saranno gli interventi Ersaf

Dopo mesi di polemiche, con la conseguente mediazione, l’ente regionale ha pubblicato i rendering di come si interverrà nella “valle incantata”: «Si renderà percorribile il sentiero anche alle persone diversamente abili, non snaturando, però, la naturalità del luogo»

Gli interventi previsti da Regione Lombardia, attraverso Ersaf, in Val di Mello per favorire una fruizione universale della "valle incantata", sopratutto sulla spondo orografica sinistra del torrente Mello, sono parte integrante di una programmazione complessiva che riguarda il territorio per il triennio 2019-2021. Dopo mesi di polemiche, raccolte firme e mediazioni, i lavori sono prossimi alla realizzazione.

All'interno di un documento, pubblicato sul sito di Ersaf, frutto della conciliazione avvenuta tra Regione Lombardia e Guide Alpine delle Val di Mello, sono visibili i rendering degli interventi che nei prossimi giorni verranno realizzati: manutenzione della sentieristica di collegamento da San Martino alla Val di Mello sia in sponda sinistra e destra orografica del torrente Mello, sistemazione dell’area parcheggio con un fondo in misto ghiaia, selciatura del guado, taglio e ripulitura della vegetazione erbacea nella località "Gatto Rosso".

Inoltre verrà livellato il fondo del sentiero mediante sterri e riporti oltre che verrà sostituito il ponte carrabile con nuovo ponte pedonale e verrà rifatto il legno delle passerelle già esistenti tra Cascina Piana e Rasica.

«Tali interventi renderanno percorribile il sentiero anche alle persone diversamente abili, non snaturando, però, la naturalità del luogo e lasciando pressoché intatte parti del sentiero con evidenti difficoltà di movimento» hanno commentato da Ersaf. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento