Giovedì, 28 Ottobre 2021
Attualità

Regione Lombardia vuole cancellare l'ATS della Montagna?

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il comunicato stampa a firma della CGIL  e della CISL.

  • Leggendo attentamente la legge Regionale n. 7 del 20 novembre 2018 “Modifiche al titolo I, al 
    titolo III e all’allegato 1 della legge regionale n. 33/2009 (Testo unico delle leggi regionali in materia 
    di sanità) si scopre che la Regione Lombardia pone le basi per uno svuotamento delle competenze 
    dell’ATS della Montagna. 
    Infatti all’art. 1 comma 1 lettera f) si legge …”la Giunta può valutare l’attribuzione alle singole ASST 
    delle funzioni di cui all’art. 6 comma 3 – lettere a), b) d) e f).” 
    Ovvero possono essere …attribuite alle singole ASST: 
    • “negoziazione e acquisto delle prestazioni sanitarie e socio sanitarie dalle strutture 
    accreditate….” 
    • “Governo del percorso di presa in carico della persona in tutta la rete dei servizi sanitari, 
    socio sanitari e sociali…” 
    • “governo e promozione dei programmi di educazione alla salute, prevenzione, assistenza, 
    cura e riabilitazione” 
    • “prevenzione e controllo della salute negli ambienti di vita e di lavoro….” 
    Se la Giunta Regionale decidesse di percorrere questa strada – prevista solo per ATS Montagna – 
    ci troveremmo di fatto in presenza di un’azienda svuotata e privata delle sue competenze e quindi 
    non ci resterebbe che una sorta di scatola vuota. 
    Tutto ciò appare alquanto incomprensibile poiché solo tre anni fa Regione Lombardia aveva 
    introdotto, con la Legge regionale 23/2015, un particolare “favor” per ATS Montagna – che CGIL e 
    CISL di Sondrio avevano valutato positivamente – ed oggi inversamente pone le basi per una sua 
    repentina cancellazione?? 
    Si evidenzia inoltre che l’attribuzione alle singole ASST delle funzioni di cui alla lettera a) 
    “negoziazione e acquisto delle prestazioni sanitarie e socio sanitarie dalle strutture accreditate ….” 
    comporterebbe un corto circuito di competenze in quanto le ASST – anch’esse strutture 
    accreditate – dovranno “concordare” i budget dei concorrenti… 
    CGIL e CISL di Sondrio si chiedono da dove nasce l’esigenza di procedere in tal senso, per la sola 
    ATS della Montagna. Quali sono le motivazioni che portano Regione Lombardia a contraddire uno 
    dei suoi capisaldi storici che prevedeva la separazione tra erogatori e pagatori? 
    CGIL e CISL di Sondrio si faranno parte attiva affinché, l’Assessore Regionale alla sanità e il 
    Presidente della Terza Commissione Sanità Regionale, incontrino le OO.SS. per dare le 
    opportune delucidazioni al territorio.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regione Lombardia vuole cancellare l'ATS della Montagna?

SondrioToday è in caricamento