Rotta da invertire

Raccolta differenziata: Sondrio è la peggiore provincia in Lombardia

In base ai dati resi noti da Legambiente e relativi al 2021, ben 63 Comuni su un totale di 77 in Valtellina e Valchiavenna non raggiungono la percentuale del 65% proprio in questo ambito

Proprio mentre il capoluogo e altri quattro Comuni valtellinesi hanno reso note le nuove modalità di raccolta dei rifiuti che entreranno in vigore nei prossimi mesi, i dati di Legambiente Lombardia dipingono un quadro preoccupante relativamente proprio alla raccolta differenziata in provincia di Sondrio.

Ben 63 Comuni sul totale di 77 presenti in Valtellina e Valchiavenna, infatti, non raggiungono la percentuale del 65% in questo ambito. Insomma, sono l'82% del totale le realtà della provincia di Sondrio che non centrano questo target e la percentuale è la più alta in tutta la Lombardia. Alle spalle di Sondrio, Pavia (74%) e Como (41%).

Inoltre, solamente un Comune della provincia di Sondrio rientra tra quelli cosiddetti "ricicloni", cioè con un residuo secco non riciclabile per abitante inferiore ai 75 kg all'anno. Si tratta di Piuro che tra il 2020 al 2021 (anno a cui si riferiscono i dati pubblicati da Legambiente) è passato da un residuo secco di 50,9 kg all'anno per abitante a uno di 53,7 kg all'anno per abitante.

Tra quelli che non raggiungono il target del 65% della raccolta differenziata, quello che si avvicina di più è Faedo (64,4%), con anche Valdisotto che, con il suo 64,2% manca di poco l'obiettivo. Al di sopra del 60% per quanto riguarda sempre la percentuale di raccolta differenziata, anche Ardenno (63,1%), Castello Dell'Acqua (60%), Cercino (60,4%), Forcola (61,9%), Gordona (61,4%), Grosio (61,4%), Montagna (62,9%), Talamona (63,8%), Valfurva (61,6%), Verceia (60,5%).

In fondo alla classifica, invece, Colorina e Sernio rispettivamente con le percentuali di raccolta differenziata del 44,1% e del 44,2%. 

Il capoluogo

Così come la provincia, anche il suo capoluogo, Sondrio, è sul fondo della classifica per quanto riguarda la raccolta differenziata con solo il 55% del totale, dato inferiore al target già citato del 65% e anche a quello di tutti gli altri capoluoghi lombardi per quanto riguarda il 2021.

Proprio a Sondrio il residuo secco non ricicalbile per abitante nel 2021 è stato di 235,6 kg per abitante, quantitativo molto lontano dai -75 kg all'anno necessari per rientrare nell'elenco dei Comuni virtuosi e anche in crescita rispetto ai 224,9 kg registrati nel 2020.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raccolta differenziata: Sondrio è la peggiore provincia in Lombardia
SondrioToday è in caricamento